MODENA – Nessun dorma, due nuove mostre alla Galleria Civica e alla Poletti

da
Advertising

Inaugura sabato 20 maggio alle 18 nelle sale superiori della Galleria Civica di Modena a Palazzo Santa Margherita, la personale di Marco Maria Zanin dal titolo “Dio è nei frammenti”. La mostra, allestita fino al 16 luglio, sabato sarà visitabile gratuitamente fino alle 24, in occasione della Notte europea dei Musei nell’ambito di “Nessun dorma”, la notte bianca modenese.

“Dio è nei frammenti”, a cura di Serena Goldoni e Daniele De Luigi, attraverso le fotografie e le sculture del giovane artista, esplora il tema della memoria e delle radici nella società contemporanea mediante un’opera di reinterpretazione di scarti prodotti dal tempo: detriti e oggetti che per Zanin, sulla scorta del filosofo francese Georges Didi-Huberman, sono “sintomi” della sopravvivenza lungo le epoche di valori umani archetipici. L’indagine si muove tra la civiltà rurale del Veneto, sua regione di origine, e la megalopoli di San Paolo, dove vive alcuni mesi all’anno: due luoghi profondamente diversi nel modo di vivere il passato e il presente, ma fortemente legati dai fenomeni migratori dall’Italia al Brasile tra XIX e XX secolo. La mostra è organizzata e prodotta da Galleria Civica di Modena e Fondazione Cassa di risparmio di Modena in collaborazione con Spazio Nuovo Contemporary Art di Roma, col patrocinio dell’Ambasciata del Brasile in Italia.
È visitabile gratuitamente da mercoledì a venerdì 10.30-13 e 16 – 19.30; sabato, domenica e festivi 10.30-19.30. Lunedì e martedì chiuso.
Per informazioni Galleria Civica di Modena, corso Canalgrande 103, tel. 059 2032911 – www.galleriacivicadimodena.it

In concomitanza con la Notte europea dei Musei anche la Biblioteca civica d’arte Luigi Poletti di Palazzo dei Musei in largo Sant’Agostino resterà aperta dalle 17 alle 24. Nell’occasione, alle 18 si inaugura, in presenza dell’artista, la mostra “Pitture da viaggio. I taccuini di Erio Carnevali”, che resterà poi visitabile gratuitamente fino al 29 luglio.
Esposti una trentina di taccuini creati da Carnevali dalla metà degli anni Ottanta a oggi, realizzati con tecniche diverse, dall’acquerello dei primi anni, all’acrilico, al collage. Esprimono l’esperienza del viaggio, inteso non solo come spazio da colmare tra un punto e l’altro di un’immaginaria carta geografica, ma anche e soprattutto il bisogno di cercare e trovare cose inaspettate. Il viaggio, e il taccuino su cui è avvenuto, come luogo di ricerca artistica personale.
Per informazioni tel. 059 2033372 – www.comune.modena.it/biblioteche/poletti

 

Advertising

Leave a Reply

Your email address will not be published.