Capannori A Camigliano la prima mieleria consortile della Lucchesia

da
Advertising

Capannori –

inuagurazione

A Camigliano, in via delle Pianacce, nei giorni scorsi è stata inaugurata la prima mieleria consortile della Lucchesia.
Un consorzio promosso dall’Associazione Apicoltori delle Province Toscane che rappresenta una novità assoluta per il territorio e raggruppa una cinquantina di apicoltori locali ma anche provenienti da altri territori vicini. 
I produttori di miele hanno a disposizione due linee distinte di smielatura, una per il miele biologico e l’altra per il miele convenzionale, dalle quali si può ricavare il nettare prodotto dalle api e procedere anche con l’invasettatura del prodotto direttamente dal maturatore in condizioni di assoluta salubrità disponendo di attrezzature idonee e  rispondenti alle attuali normative. Gli apicoltori possono inoltre procedere anche allo stoccaggio e alla conservazione del miele.

“L’apicoltura è un’ importante tradizione  del nostro territorio  dove sono presenti anche alcune produzioni di eccellenza  – afferma il sindaco Luca Menesini -. La nascita di una mieleria consortile sul  nostro territorio  riveste particolare importanza, perché valorizza e aiuta lo sviluppo del settore  consentendo anche ad aziende di piccole dimensioni di poter disporre di attrezzature ed ambienti idonei e rispondenti alle normative. L’apicoltura è un’attività importante anche dal punto di vista ambientale perché gioca un ruolo significativo nel mantenimento degli equilibri naturali e rafforza  la biodiversità.  Saluto quindi con soddisfazione la nascita di questa nuova struttura e mi complimento con l’associazione apicoltori delle province toscane per averla realizzata”.

Ciascun apicoltore può prenotare il laboratorio della mieleria consortile per il periodo necessario alle sue lavorazioni per poi riconsegnarlo perfettamente in ordine e pulito al termine del suo utilizzo.
In Toscana sono presenti altre mielerie consortili nelle province di Siena, Pistoia, Massa (Lunigiana), Firenze,  Prato, Livorno, Arezzo.

Advertising
Tags: