MODENA – CENTRO STORICO, “PIÙ SICUREZZA PER GLI OPERATORI”

da
Advertising

“E’ giusto che chi fa impresa e contribuisce all’attrattività del centro storico possa lavorare in sicurezza”. Lo ha detto il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli che nella mattina di oggi, lunedì 19 giugno, insieme all’assessore al Centro storico Andrea Bosi e al Comandante della Polizia municipale Franco Chiari ha incontrato una delegazione di commercianti del centro coordinati da Modenamoremio.

“E’ stato un bell’incontro, caratterizzato da grande spirito di collaborazione e volontà di rendere Modena sempre più bella e sicura”, è stato il commento di Muzzarelli sottolineando come si stiano registrando “dati molto positivi per quanto riguarda l’afflusso di turisti e visitatori, che frequentano in particolare il sito Unesco e l’intero centro della nostra città”.

Ricordato che “negozi ed attività varie sono tra gli elementi fondamentali per un centro che sia sempre più di richiamo per chi vive in città e chi viene da fuori”, il sindaco ha giudicato utile l’incontro “per porre sul tappeto, e confrontarci, sulle principali cause di insicurezza, a partire da accattonaggio molesto e furti, anche a fronte dei nuovi episodi verificatisi oggi, per i quali auspichiamo che vengano trovati e sanzionati i colpevoli”.

Tra le ipotesi in campo, nell’ambito delle competenze dell’Amministrazione comunale, l’idea è quella di sperimentare “con i negozianti del centro il modello dei controlli di vicinato, che sta dando positive risposte nelle frazioni della città. Lo faremo in tempi brevi e stiamo anche rafforzando i controlli, sia con le pattuglie ordinarie che con gli agenti in borghese, per combattere l’accattonaggio molesto, in centro e non solo”.

Ribadendo di contare su una rafforzata collaborazione con le forze dell’ordine per tutto ciò che riguarda indagini sui reati commessi a danno di negozianti ed esercenti, il sindaco ha concluso con l’appuntamento “ritrovarci periodicamente per valutare l’efficacia delle misure poste in essere per la sicurezza”.

 

Advertising