[REGIONE UMBRIA] INCIDENTE AST TERNI: "LE LOGICHE DI RISPARMIO E RIDUZIONE DI PERSONALE DELL'AZIENDA COMPROMETTONO LA…

da
Advertising

Il capogruppo regionale della ega Nord, Emanuele Fiorini, esprimere “piena solidarietà e vicinanza all’ex collega dell’Ast” ferito in seguito all’incidente verificatosi nei giorni scorsi all’interno dello stabilimento ternano: “ho lavorato proprio in quel reparto: prima erano due gli addetti”. A Giudizio di Fiorini è necessario attivare fin da subito un dialogo che coinvolga istituzioni, azienda e i reali rappresentanti dei lavoratori “per individuare criticità e affrontare i problemi”. 

(Acs) Perugia, 12 luglio 2017 – “Voglio esprimere piena solidarietà e vicinanza all’ex collega dell’Ast ferito in seguito all’incidente verificatosi nei giorni scorsi all’interno dello stabilimento ternano. Un pensiero alla famiglia che sta vivendo ore di angosciante attesa nella speranza di un miglioramento del quadro clinico”. Così il capogruppo regionale della Lega Nord, Emanuele Fiorini, che spiega di di essere personalmente coinvolto in questa vicenda: “conosco molto bene Gianluca (l’operaio ferito ndr) in quanto abbiamo lavorato insieme proprio su quella linea per diversi anni. So bene – aggiunge – come e in quali condizioni si lavora all’interno della fabbrica, conosco la mentalità dell’azienda che mette i profitti sopra a qualunque cosa, anche alla dignità umana”.

Fiorini ricorda inoltre che le procedure standard, quando lui lavorava in Ast, “prevedevano la presenza in contemporanea di un operatore e di un carropontista all’uscita della linea lac2. Da qualche tempo a questa parte il sistema è cambiato a causa di logiche di risparmio dell’azienda e di riduzione del personale: l’operatore d’uscita, infatti, adesso deve svolgere anche la mansione di carropontista. Possiamo parlare quanto vogliamo di sicurezza, ma se manca il personale e se gli incarichi che dovrebbero essere svolti da due addetti vengono affidati ad un unico operatore, allora, le chiacchiere stanno a zero. Non è solo una questione di sicurezza, ma di mera responsabilità e coscienza da parte del gruppo tedesco che pensa esclusivamente ad aumentare i profitti a discapito dei lavoratori”.

“L’azienda – sottolinea il capogruppo regionale della Lega – non può ridurre il numero dei dipendenti, chiedere loro di fare gli straordinari e poi creare problemi quando qualcuno domanda ferie o permessi, causando stress e pressione psicologica. È necessario attivare fin da subito un dialogo proficuo che coinvolga istituzioni, azienda e i reali rappresentanti dei lavoratori e che si prefigga l’obiettivo di individuare criticità e affrontare i problemi. Quando si parla di Ast – conclude – è inopportuno che vengano escluse dal dialogo le forze politiche, come ha tentato di fare la presidente Marini qualche giorno fa: ognuno può offrire il proprio contributo, soprattutto chi, come il sottoscritto, ha lavorato per anni all’interno di quello stabilimento”. RED/

Fonte: Regione Umbria

Advertising