[Lucca] LA RINASCITA DEL PONTE DEL DIAVOLO

da
Advertising

Lucca –

LA RINASCITA DEL PONTE DEL DIAVOLO

BORGO A MOZZANO, 15 luglio 2017 – Il Ponte del Diavolo, il monumento-simbolo della Valle del Serchio e dell’intera provincia di Lucca, torna a nuova vita. E lo fa attraverso un progetto di riqualificazione, restauro e trasformazione degli spazi pubblici circostanti pensato per rilanciare il monumento, far crescere il territorio comunale e rendere maggiormente attrattiva tutta l’area. Lo ha annunciato questa mattina il sindaco di Borgo a Mozzano, Patrizio Andreuccetti nel corso della conferenza stampa che ha visto la partecipazione anche di Andrea Marcucci, presidente della Commissione Istruzione e Cultura del Senato, Stefano Baccelli, consigliere regionale, Andrea Bonfanti, presidente dell’Unione dei Comuni della Media Valle del Serchio, Luigi Ficacci, Soprintendente di Lucca e Massa Carrara,Marcello Bertocchini, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e Marco Del Monte e Valentina Chiocca, gli architetti di Studiodiffuso, che hanno realizzato il progetto di restauro e di valorizzazione architettonica e seguiranno l’iter dei lavori. Presenti anche l’assessore regionale, Marco Remaschi, la consigliera regionale, Ilaria Giovannetti e il sindaco di Barga, Marco Bonini.

«Intervenire sul Ponte del Diavolo – spiega il sindaco – significa andare a mettere mano su una situazione estremamente delicata, complessa e immutata da almeno un decennio. Sono infatti tanti anni che non viene attuato un progetto di restauro e di riqualificazione del monumento e gli effetti si vedono, perché in alcuni punti la vegetazione è aumentata e complessivamente sono diversi gli ambiti su cui è necessario intervenire. Con questo percorso di rinascita, inoltre, diamo dimostrazione di come l’Art bonus possa rivelarsi uno strumento utile: degli oltre 100mila euro raccolti, una parte provengono proprio dai privati (i signori Luca Bianchi e Giuseppe Cabriolu Puddu, la cooperativa sociale Nuovi Orizzonti, le imprese Smurfit Kappa Ania e Asfalti Duemme) che hanno deciso di aderire allo strumento previsto dal Governo. Un’altra buona fetta, circa 80mila euro, invece, sono stati stanziati dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca. Ora dobbiamo continuare sulla strada delle donazioni tramite l’Art bonus per arrivare a centrare il primo obiettivo: raggiungere la cifra necessaria per poter riqualificare nella sua interezza il Ponte del Diavolo. Una volta conclusi i lavori al monumento potremo concentrarci anche su tutto ciò che lo circonda: nella nostra idea, infatti, c’è la riqualificazione architettonica e paesaggistica dell’area circostante al Ponte: ci piacerebbe realizzare un sistema di parcheggi, una passeggiata panoramica e due parchi. Ripeto, l’idea e il progetto ci sono, occorre però muoversi per passi concreti, anche per reperire i fondi necessari. Il primo obiettivo oggi è rappresentato dal restauro del Ponte del Diavolo».

Gli intervenuti si sono soffermati sull’opportunità rappresentata dall’Art Bonus, strumento governativo che ti permette di donare una qualsiasi cifra per recuperare un bene artistico, architettonico e storico (secondo il principio per cui se versi 100, te ne vengono restituiti 65 dallo Stato grazie agli sgravi fiscali), ma ancora troppo sottovalutato. E di come, al contrario, Borgo a Mozzano sul territorio della provincia di Lucca stia facendo scuola nella capacità di utilizzo di questo valido mezzo di sostegno alla valorizzazione e alla riqualificazione di un bene comune e pubblico.

RIQUALIFICAZIONE DEL PONTE DEL DIAVOLO. Il progetto di rinascita del Ponte del Diavolo è molto articolato e prevede un impegno di spesa di circa 235mila euro. Il primo lotto sarà completato nel 2017 e per la prima fase l’attenzione sarà concentrata sugli archi minori del Ponte. Entro la fine di luglio, infatti, saranno affidati i lavori, per un totale di circa 60mila euro, che riguardano la pulizia dei paramenti dalle erbe infestanti e la rimozione della vegetazione.

Il progetto prevede interventi di riqualificazione e restauro vero e proprio della struttura e dei paramenti murari. Dopo un’analisi dettagliata delle patologie presenti e di come queste si sono sviluppate e propagate negli anni in assenza di interventi di manutenzione, le azioni da prevedere sono suddivisibili in due categorie: opere impellenti di manutenzione (che dovrebbe essere poi ordinaria) e opere straordinarie che richiederanno di procedere per gradi e inizialmente su piccole porzioni in modo da effettuare analisi dirette e poter stabilire le modalità ottimali di intervento. Tra le prime si collocano gli interventi da effettuare sul paramento murario per la rimozione delle piante presenti (tra le quali si è sviluppato anche un fico), erbacce e muschi. Successivamente, saranno programmati i vari interventi volti al restauro e alla conservazione vera e propria della struttura nelle varie parti. Tra questi, la rimozione delle malte e porzioni incongruenti e la sostituzione con materiali idonei, il ripristino di parti mancanti, la stuccatura, la pulizia delle pietre e rimozione di macchie e croste, dopo averle opportunamente campionate e dopo aver valutato le cause della loro formazione.

Le problematiche riscontrate sul Ponte del Diavolo sono: perdita di elementi, quali pietre, che verrà risolta attraverso l’integrazione mimetica delle porzioni mancanti; presenza di vegetazione (da trattare attraverso l’applicazione del biocida, l’essiccazione, la rimozione e la stuccatura e/o ripristino lacune); presenza di una patina biologica; disgregazione con distacco di minime parti delle pareti che creano una situazione estesa di degrado su entrambi i lati del monumento; presenza di macchie, croste e di fenomeni di erosione, esfoliazione e fessurazione delle pietre; infine, parti in ferro arrugginite, che richiederanno la pulitura degli elementi, lavaggio con acqua e applicazione della protezione finale.

ART BONUS. Chiunque può contribuire al progetto (persone fisiche e giuridiche), donando qualsiasi cifra attraverso lo strumento dell’Art Bonus che prevede un regime fiscale agevolato per coloro che partecipano alla donazione.

Per partecipare e sostenere il progetto di restauro del Ponte è possibile effettuare i versamenti sul conto corrente bancario intestato al Comune di Borgo a Mozzano (IBAN: IT43W05034 70110000000235273) o tramite bollettino postale al conto corrente 00131557 intestato a Comune di Borgo a Mozzano – Servizio Tesoreria. In entrambi i casi la casuale da indicare è “Progetto Art Bonus per Ponte del Diavolo”.

Ulteriori informazioni su: www.comune.borgoamozzano.lucca.it/content.php?p=5.8

Fonte Verde Azzurro

Advertising

Leave a Reply

Your email address will not be published.