[REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA] Agricoltura: Shaurli, più che raddoppiati fondi Psr Pacchetto giovani

da
Advertising


Trieste, 17 luglio – Sono stati più che raddoppiati, passando da 12 a quasi 26 milioni di euro, i fondi destinati dalla Regione al “Pacchetto giovani” del Programma di sviluppo rurale (Psr) per i bandi del 2016 e 2017. Lo ha deciso la giunta approvando quest’oggi, su proposta dell’assessore alle Risorse agricole Cristiano Shaurli, una apposita delibera.

L’incremento delle risorse consentirà di scorrere la graduatoria, dando così risposta a circa il 50 per cento delle richieste pervenute, livello mai raggiunto in passato. Ciò garantirà ai giovani beneficiari di ricevere, oltre al premio di insediamento, anche i contributi per gli investimenti destinati a migliorare la competitività dell’impresa agricola, oltre a quelli per il risparmio idrico e lo sviluppo di attività agrituristiche.

L’atto di giunta riprogramma quindi la dotazione del Pacchetto giovani per il biennio 2016/2017, portando le risorse per gli investimenti da poco più di 6 milioni di euro ad oltre 16 milioni, con riflessi per l’intero tessuto socioeconomico regionale. Per il risparmio idrico nelle aziende condotte da un giovane agricoltore, i fondi a disposizione passano da 650 mila euro a 1,5 milioni di euro mentre per gli agriturismi compresi nel “pacchetto”, gli originari 500 mila euro salgono a 2 milioni di euro. In aumento anche l’importo destinato ai premi di insediamento che sale da 5 a 6,2 milioni di euro.

“Le risorse aggiuntive – spiega l’assessore Shaurli – sono il frutto di un lavoro di semplificazione dei bandi, di riallocazione di risorse interne al Psr e della scelta di mantenere, nei prossimi anni, il premio solo al primo insediamento dei giovani. Così facendo, mettiamo subito a disposizione importanti risorse con le quali potremo dare risposte a coloro che, per primi, hanno deciso di investire in azienda, garantendo il premio per l’insediamento anche in futuro. Nel contempo consentiamo la partenza di molti progetti aziendali, dando un segnale concreto tanto ai giovani che all’intero comparto, privilegiando le misure che più hanno incontrato il favore del settore primario”.

Come spiega l’assessore regionale alle Risorse agricole, questa non è l’unica decisione importante operata sul piano finanziario del Psr. “Insieme ad altre Regioni – evidenzia Shaurli – abbiamo scelto di destinare parte delle risorse ai programmi di sviluppo rurale dei territori colpiti dal sisma in centro Italia”. Si è messo così in atto un atteggiamento solidaristico che, nel mondo agricolo, non è mai mancato e di cui anche il Friuli Venezia Giulia ha potuto beneficiare all’indomani del terremoto del 1976. “Anche in questo caso – spiega Shaurli – abbiamo operato una scelta coraggiosa e forse insolita; invece di prelevare risorse dai potenziali investimenti, che sono i più attesi dal comparto, o di operare tagli lineari, proporremo al Comitato di Sorveglianza e alla Commissione di azzerare le misure per la consulenza. Così non verranno decurtati gli stanziamenti che incidono in modo diretto sullo sviluppo agricolo, la competitività delle nostre imprese e degli agricoltori”. ARC/AL/ppd

Fonte: Regione Friuli Venezia Giulia

Advertising

Leave a Reply

Your email address will not be published.