MODENA – CITTANOVA, SI VALUTA SOLUZIONE PER L’IMMISSIONE IN VIA EMILIA

da
Advertising

Per consentire ai residenti di Cittanova un più agevole accesso su via Emilia in direzione Reggio Emilia si stanno esaminando due ipotesi, di cui la prima, meno costosa e realizzabile in tempi brevi, prevede l’utilizzo del tratto dismesso di via Emilia per consentire il transito da via della Ghiaia a via Viazza di Cittanova, da cui immettersi alla mano su via Emilia e cambiare direzione alla rotatoria dello scalo merci distante meno di 100 metri.

Lo ha detto l’assessore alla Mobilità Gabriele Giacobazzi rispondendo in Consiglio comunale all’interrogazione di Adolfo Morandi (FI) sulla rotatoria dello scalo merci a Cittanova.

Il consigliere ha evidenziato che i residenti di Cittanova a sud della via Emilia e a ovest di via Pomposiana, per poter accedere alla via Emilia in direzione Reggio Emilia, con la costruzione della nuova rotatoria, devono percorrere una strada fino via Pomposiana per poi immettersi da quest’ultima in via Emilia, e ha riportato che gli stessi residenti stanno “raccogliendo una sottoscrizione di firme al fine di denunciare all’Amministrazione le difficoltà”. Morandi ha quindi chiesto “se non si ritiene opportuno mettere in discussione il disegno e la realizzazione del sistema viario, consentendo ai residenti l’immissione diretta in rotatoria; questo consentirebbe di svoltare a sinistra verso Reggio Emilia con più sicurezza rispetto all’immissione con attraversamento ad angolo retto da via Pomposiana”. Il consigliere ha inoltre chiesto se non si ritiene opportuno riconsiderare la dimensione della rotatoria per verificare se le esigenze dei veicoli che la percorrono quotidianamente, compresi carri agricoli di grandi dimensioni, non richiedano un allargamento della sede stradale.

Giacobazzi ha convenuto che “il problema per i residenti che da Cittanova vogliono svoltare a sinistra su via Emilia è reale, in quanto la strada è molto trafficata. Esisteva però anche prima della realizzazione della rotatoria – ha precisato – e la soluzione di Rfi-Anas non costituisce un peggioramento, salvo il fatto che convoglia tutto il traffico sull’incrocio di via Pomposiana davanti alla chiesa, con un numero maggiore di veicoli”. L’assessore, confermando la petizione dei residenti, che si sono rivolti all’Amministrazione per segnalare il disagio, ha comunicato che sulla soluzione più rapida (“anche se è presente un problema di dislivello non molto agevole”) è stata chiesta una valutazione ad Anas, competente sulla strada: “Siamo in attesa del parere e spero di poter presto annunciare pubblicamente la direzione che si prenderà”. L’alternativa, ha spiegato Giacobazzi, sarebbe la realizzazione di una nuova rotatoria tra via Pomposiana e via Emilia in corrispondenza della chiesa di Cittanova. La realizzazione dell’ingresso di via della Ghiaia (strada che attraversa la frazione) direttamente in rotatoria, infatti, “incrementerebbe in modo significativo il traffico interno a Cittanova, con un miglioramento della manovra ma un peggioramento della circolazione interna”.

Rispetto alle dimensioni della rotatoria, l’assessore si è impegnato a fare una verifica, “ma la rotatoria è stata realizzata da Anas Rfi secondo le normative e tenendo conto del traffico importante della zona, compreso il transito di mezzi agricoli. Credo quindi – ha concluso – che le dimensioni siano corrette”.

Nella replica, Morandi ha ribadito la presenza di un “problema reale. Mi auguro che si proceda il più velocemente possibile con la prima soluzione, più veloce e agevole; starà all’assessore sollecitare chi di dovere per una soluzione”. Il consigliere ha infine aggiunto: “È vero che chi sono dei tecnici a progettare la rotatoria, ma anche loro possono sbagliare ed è sul campo si fa la controprova. Se gli utilizzatori segnalano dimensioni non adeguate – ha concluso – ritengo che una verifica urgente vada fatta”.

Advertising