Firenze Piscine, Torselli (FdI): “Regalo di Palazzo Vecchio alla società sportiva, ma i soldi sono dei cittadini”

da
Advertising

“Per permettere lo svolgimento delle finali del Campionato Italiano di Pallanuoto Femminile Under 17, Palazzo Vecchio ha chiuso per 4 giorni al pubblico la Piscina Comunale ‘Costoli’, rinunciando così agli incassi derivanti dalla balneazione. Per quale motivo, visto che tra le squadre partecipanti al torneo vi era anche la RN Florentia, non si è giocato alla piscina ‘Nannini’ di Bellariva, assegnata in concessione dal comune ad una ATI di cui la stessa Rari è la capofila? Quanti soldi è costata al Comune, e quindi ai fiorentini, questa decisione?” Queste sono le domande, ad oggi ancora senza risposta, che il capogruppo di Fratelli d’Italia a Palazzo Vecchio, Francesco Torselli, ha posto questa mattina nel corso di una conferenza stampa.

“La società RN Florentia – ha spiegato Torselli – è capofila dell’ATI aggiudicataria dell’impianto comunale ‘Nannini’ di Bellariva che, stando a quanto dichiarato dall’assessore Bettarini in consiglio comunale rispondendo ad un Question Time del sottoscritto, sarebbe stato anch’esso idoneo ad ospitare le finali nazionali del campionato di pallanuoto femminile under 17. Allora perché è stato scelto di giocare alla ‘Costoli’? Sempre secondo l’assessore Bettarini i motivi sarebbero due: la volontà dell’amministrazione di valorizzare la ‘Costoli’ e la richiesta che sarebbe arrivata dalla Federazione Italiana Nuoto di poter utilizzare l’impianto di Piazza Berlinguer”.

“Una risposta – prosegue il capogruppo di Fratelli d’Italia – che ci lascia ancora di più sbalorditi. Se fosse vero quanto detto in consiglio dall’assessore Bettarini, dovremmo chiederci: perchè, se l’amministrazione comunale punta così tanto sulla ‘Costoli’, questa causa, ogni anno, una perdita in bilancio di 2.000.000 di Euro e soprattutto se l’amministrazione comunale non reputa strano che la Federazione Italiana Nuoto metta bocca nella scelta degli impianti sportivi cittadini, soprattutto alla luce del fatto che il presidente della RN Florentina, legittimamente, ci mancherebbe altro, è però anche il vicepresidente nazionale della Federazione stessa”.

“L’assessore – rincara ancora Torselli – non risponde invece alla domanda più importante, ossia a quanto ammonta il mancato incasso causato alla ‘Costoli’ dai 4 giorni di chiusura in altissima stagione. Per aiutare l’amministrazione a rispondere a questa domanda, possiamo ricordare loro il Provvedimento Dirigenziale n. 6672/2014, ovvero l’atto con il quale il Comune di Firenze riconobbe, guardacaso proprio alla RN Florentia, un rimborso di 74.667 Euro per il mancato incasso che sarebbe stato causato alla società – che gestisce anche la piscina all’interno dello Stadio Artemio Franchi – dalle partite pomeridiane ed infrasettimanali della Fiorentina”.

“Dunque – aggiunge l’esponente di Fratelli d’Italia – se per qualche mercoledì e giovedì pomeriggio d’inverno la RN Florentia ottiene dal Comune di Firenze un rimborso di 75.000 per mancato incasso, quanto ha perso il Comune tenendo chiusa la ‘Costoli’ per uno dei fine settimana più gettonati dell’anno per passare una giornata in piscina?”

“La decisione – conclude Torselli – di far giocare alla RN Florentia le finali del campionato italiano femminile under 17 alla ‘Costoli’, permettendo alla stessa società di mantenere contemporaneamente aperto alla balneazione l’impianto di Bellariva, è un vero e proprio regalo che Palazzo Vecchio ha scelto di fare a questa società. Se Palazzo Vecchio avesse scelto, in qualsiasi altra maniera, di premiare una delle società più gloriose e storiche della città, sia ben chiaro, non avremmo avuto niente da ridire. Ma non possiamo accettare che i ‘regali’ vengano fatti con i soldi dei cittadini. Questo proprio no”. (fdr) 

Fonte: Comune di Firenze

Advertising