[REGIONE UMBRIA] ASSESTAMENTO BILANCIO: “IN PRIMA COMMISSIONE LA GIUNTA HA POSTO IL VETO SULLE PROPOSTE DEI CONSIGLIERI DI MAGG…

da
Advertising

Il capogruppo regionale di Forza Italia, Raffaele Nevi, stigmatizza quanto successo in Prima Commissione dove “la Giunta, per la prima volta da quando siedo in Assemblea legislativa, ha posto il veto sulle proposte dei consiglieri di maggioranza che hanno dovuto, dopo una lunga e tesa riunione del centrosinistra, ritirare tutti gli emendamenti presentati”. Per Nevi inoltre “il centrosinistra ha pregiudizialmente bocciato tutti gli emendamenti dell’opposizione, che verranno ripresentati in Aula”.

 

(Acs) Perugia, 19 luglio 2017 – “Oggi in Prima Commissione la Giunta regionale, per la prima volta da quando siedo in Assemblea legislativa, ha posto il veto sulle proposte dei consiglieri di maggioranza che, dopo una lunga e tesa riunione del centrosinistra, hanno dovuto ritirare tutti gli emendamenti presentati”. È quanto dichiara il capogruppo regionale di Forza Italia, Raffaele Nevi.

“Inoltre – prosegue Nevi – il centrosinistra ha pregiudizialmente bocciato tutte le proposte dell’opposizione, forse per paura che gli emendamenti presentati dal sottoscritto e da altri colleghi del centrodestra potessero fare breccia tra le fila della sgangherata maggioranza. Tra le importanti proposte di emendamento bocciate spiccano quella di destinare 60mila euro ai malati oncologici che non possono permettersi di comprare delle parrucche a seguito delle cure che provocano la caduta dei capelli; di destinare 58mila euro in più, rispetto agli attuali 27mila, alle manifestazioni storiche dell’Umbria, a partire dalla Quintana di Foligno e dalla Corsa all’Anello di Narni, fino ad arrivare alle importanti manifestazioni dei comuni minori; di destinare 50mila euro in più per la sicurezza dei cittadini ai comuni che stanno accogliendo i profughi; di destinare 150mila euro in più, rispetto ai soli 100mila, attualmente previsti per il sostegno e la promozione delle attività sportive; di destinare 50mila euro per l’Istituto di Studi Musicali ‘G. Briccialdi’ di Terni che rischia la chiusura a causa della crisi finanziaria del Comune di Terni. Non è stato poi possibile discutere di eliminare il blocco delle assunzioni a tempo determinato per i Consorzi di bonifica che sta procurando un innalzamento della spesa del personale dei consorzi stessi. Infine non è stato possibile discutere di come rispettare l’impegno preso dalla Seconda commissione dell’Assemblea legislativa di inserire nell’Assestamento un provvedimento per completare la ricostruzione a seguito del terremoto del 2000 a Narni”.

“Annuncio – conclude Nevi – che tutti gli emendamenti oggi pregiudizialmente bocciati dalla maggioranza di centrosinistra li presenterò nuovamente in Aula. E proporrò anche un ordine del giorno che impegni in maniera definitiva l’intera Assemblea Legislativa sul terremoto del 2000 a Narni”. RED/dmb

Fonte: Regione Umbria

Advertising