Firenze Piazze e Mercati, Scaletti: "La Firenze inascoltata e tradita. Quali logiche segue l’amministrazione comunale?"

da
Advertising

Questo l’intervento della consigliera Cristina Scaletti (La Firenze Viva)


“Vedere il Mercato dell’Antiquariato tristemente trasferito in Largo Annigoni in via definitiva, mortificando gli antiquari in uno spazio che in questi lunghissimi mesi li ha pesantemente penalizzati sotto ogni punto di vista, si combina con il triste effetto di Piazza dei Ciompi snaturata della sua identità, che con pazienza la storia le aveva consegnato. Stessa cosa per piazza del Carmine dove la logica non è quella storica né quella delle esigenze dei cittadini e dei residenti, che come per Piazza dei Ciompi ben si erano espressi, rimanendo però inascoltati. Per finire con il ventilato sulla stampa, ma mai discusso in Consiglio comunale, “Piano di riorganizzazione del commercio su area pubblica” con il probabile aumento dei mercati rionali e lo spostamento in questo contesto dei banchi turistici sfrattati dal centro storico. Così il Comune darà il colpo di grazia definitivo a chi era titolare delle licenze dimostrando di non capire che non sono equiparabili i mercati turistici con quelli rionali, né per merceologia, né per clientela, né per tipologia. Ancora 2 anni in questa direzione e Firenze sarà irriconoscibile, svuotata di storia, di tradizione e, se continua così, anche dei fiorentini”. (fdr) 

Fonte: Comune di Firenze

Advertising