[REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA] Animali: Telesca, approvato regolamento ricoveri, negozi e allevamenti

da
Advertising

Trieste, 20 lug – La Giunta regionale ha approvato in via
preliminare, su proposta dell’assessore alla Salute, Maria Sandra
Telesca, il regolamento che fissa i requisiti che devono essere
posseduti sia dalle strutture di ricovero e custodia degli
animali d’affezione (convenzionate e non) con finalità
d’adozione, sia quelle destinate a commercio, allevamento,
addestramento e custodia operanti in Friuli Venezia Giulia.

Il documento estende, inoltre, le misure già previste per cani,
gatti e furetti anche a tutti gli altri animali da compagnia che
è possibile trovare nelle case del Friuli Venezia Giulia e
stabilisce uno schema di convenzione tra i Comuni e le realtà che
si occupano del loro ricovero, fissando anche gli importi
previsti per il mantenimento.

Nello specifico, in base alla convenzione allegata al
provvedimento, il compenso giornaliero (al netto dell’Iva) per le
operazioni di mantenimento e cura è pari a 3,50 euro per cani di
piccola taglia (inferiori a 10 chili), 3,65 euro per quelli di
taglia media (da 10 a 30 chili), 3,80 euro per quelli di taglia
grande (sopra i 30 chili) e a 2 euro per i gatti. Nel caso di
cuccioli orfani con meno di 60 giorni il compenso aggiuntivo
giornaliero sarà aumentato del 50%.

Come ha spiegato l’assessore Telesca “il regolamento è stato
elaborato sulla base di quanto emerso dalle ispezioni compiute
nei canili e nei gattili negli ultimi due anni ed è stato
visionato anche da veterinari delle aziende sanitarie. Il testo
stabilisce criteri precisi per tutti i tipi di strutture nelle
quali si trovano animali d’affezione, fissando parametri chiari e
stabilendo anche i termini entro i quali le strutture esistenti
dovranno adeguarsi”. Telesca evidenzia inoltre, che “per la prima
volta, tramite lo schema di convenzione, vengono inoltre
determinati gli importi che i Comuni erogheranno alle diverse
strutture operanti sul territorio”.

Il documento verrà ora inviato al Consiglio delle autonomie
locali e alla Terza commissione consiliare per eventuali
osservazioni e verrà poi sottoposto alla Giunta per
l’approvazione definitiva.
ARC/MA/ppd

Fonte: Regione Friuli Venezia Giulia

Advertising