PORCARI Consiglio: è rottura tra maggioranza e minoranza

da
Advertising

PORCARI – L’elezione del Presidente del Consiglio Comunale di Porcari, tenutasi nella seduta di ieri sera, sancisce una importante rottura di relazioni tra maggioranza e minoranza. Una consiliatura, quella che si è aperta poche settimane fa, che si preannuncia, ogni giorno di più, particolarmente dura e difficile.

Il gruppo consiliare “La Porcari che vogliamo” lamenta, in particolare, l’assenza di dialogo e di confronto da parte della maggioranza, su un tema che doveva restare fuori dallo scontro politico, come quello dell’individuazione delle figure istituzionali ed in particolare di chi deve guidare il consiglio comunale. Per questo, il gruppo di opposizione ha annunciato che non ricoprirà alcun ruolo istituzionale, sancendo una rottura di relazioni che mai si era registrata finora nel paese della Piana. Nessun esponente della minoranza sarà infatti disponibile a ricoprire la vice-presidenza del Consiglio Comunale o altri ruoli istituzionali all’interno delle commissioni, tranne quelli strettamente previsti dalla legge.

 

“Siamo particolarmente rammaricati dell’atteggiamento tenuto dalla maggioranza in questa circostanza. Visto l’esito delle elezioni che ha mostrato un paese sostanzialmente spaccato a metà, con una differenza tra le due liste in competizione che non è mai stata così esigua nella centenaria storia del nostro comune, ci saremmo aspettati un segnale di distensione da parte di “Viviamo Porcari”, ma così non è stato. Nessun confronto, nessun dibattito, nessun coinvolgimento del nostro gruppo consiliare ma la semplice indicazione, avvenuta direttamente nella seduta consiliare, di un loro esponente per la Presidenza del Consiglio Comunale. Non potevamo che prendere atto quindi di un atteggiamento chiuso ed autoreferenziale ed è per questo che abbiamo annunciato che non ricopriremo come gruppo di minoranza alcun ruolo istituzionale, tranne quelli strettamente previsti per legge. Ovviamente la nostra posizione non costituisce, né intende farlo, alcun pregiudizio nei confronti di Francesca De Toffol, che è stata eletta a presiedere il Consiglio, alla quale, anzi, auguriamo fin d’ora un buon lavoro nell’interesse della nostra comunità.”

Fonte: Lo Schermo

Advertising