LIVORNO Primo Piano – 74° anniversario della caduta del Fascismo

da
Advertising

Livorno –


iniziative per il 19 e 25 luglio 2017 - caduta del fascismo

Martedì 25 luglio

74° anniversario della caduta del Fascismo

Cerimonia alla Pinetina e proiezione gratuita all’Area Fabbricotti

Livorno, 24 luglio 2017 –  Per rendere omaggio ai livornesi uccisi e perseguitati per la conquista della libertà e della democrazia, anche quest’anno il Comune di Livorno, in collaborazione con l’Anpi, Anppia, Anei e dell’Istituto storico della Resistenza, ha organizzato una serie di cerimonie ed iniziative, alcune delle quali si sono svolte lo scorso 19 luglio  nel 73° anniversario della Liberazione di Livorno.

In occasione della ricorrenza del 74° anniversario della liberazione dalla dittatura fascista (25 luglio 1943) invece si svolgerà domani, martedì 25 luglio, la cerimonia di commemorazione promossa dal Comune di Livorno in collaborazione con l’Anpi, Anppia, Anei e dall’Istituto storico della Resistenza.

Alle ore 10, presso il Parco della Pinetina di viale della Libertà, sarà deposta una corona di fiori presso la lapide che ricorda i perseguitati politici italiani antifascisti.

Saranno presenti l’assessore Francesco Belais e i rappresentanti delle associazioni combattentistiche della Resistenza e dei perseguitati politici.

Per consentire il regolare svolgimento della manifestazione, fino al termine della cerimonia, è istituito il divieto di sosta con rimozione forzata in viale della Libertà nello slargo antistante il parco La Pinetina. 


Tra gli appuntamenti in programma per la giornata di martedì 25 luglio rientra anche la proiezione del film “Remember” diretto da Atom Egoyan (2015) in programma all’Arena Fabbricotti alle ore 21, organizzata da ANPPIA in collaborazione conil Comune di Livorno e il Circoloro lavoratori porto. Il film (l’ingresso è gratuito) sarà preceduto dal commento dello storico dell’arte Salvatore Settis.

Presentato in concorso alla 72ma Mostra del Cinema di Venezia, Remember è una storia di vendetta con grandi attori come Christopher Plummer e Martin Landau, che riflette sul tema della memoria. Una memoria che rischia continuamente di sbiadire definitivamente, ma con la quale si dovranno fare necessariamente conti dolorosi e inaspettati.

 

Advertising