[REGIONE UMBRIA] EX POZZI: “LA POLITICA SI MUOVA PRESTO PER RISOLVERE UNA SITUAZIONE CHE RISCHIA DI DEGENERARE” – FIORINI E MA…

da
Advertising

I consiglieri regionali della Lega nord, Emanuele Fiorini e Valerio Mancini intervengono a margine dell’incontro di oggi a Palazzo Cesaroni tra una rappresentanza dei lavoratori della ex Pozzi, ora Isotta Fraschini e l’assessore regionale Fabio Paparelli e dove “i dipendenti hanno espresso preoccupazione e rabbia”. I due esponenti del Carroccio, sottolineando che “la politica deve muoversi urgentemente per risolvere una questione che rischia di degenerare”, auspicano che nella prossima seduta consiliare del 2 agosto venga discussa una loro mozione che impegnerebbe la Giunta ad intervenire presso il Governo nazionale per l’individuazione delle risorse finanziarie necessarie a risolvere le crisi industriali in atto nel territorio spoletino.

 

(Acs) Perugia, 25 luglio 2017 – “Discutere la nostra mozione alla prossima seduta consiliare e convocare quanto prima i commissari giudiziali della Ex-Pozzi ora Isotta-Fraschini. Le nostre richieste vanno di pari passo con quelle presentate dai dipendenti dell’azienda”. Così i consiglieri regionali della Lega Nord, Emanuele Fiorini e Valerio Mancini a margine dell’incontro di oggi a Palazzo Cesaroni tra una rappresentanza dei lavoratori e l’assessore regionale Fabio Paparelli.

“I dipendenti – spiegano i due esponenti umbri del Carroccio – hanno espresso preoccupazione e rabbia. La politica deve muoversi quanto prima per risolvere una situazione che altrimenti rischia di degenerare. Alla prossima seduta dell’Assemblea (2 agosto) è necessario introdurre d’urgenza all’ordine del giorno la nostra mozione che impegna la Giunta ad intervenire presso il Governo nazionale per l’individuazione delle risorse finanziarie necessarie a risolvere le crisi industriali in atto nel territorio spoletino. È inoltre fondamentale – aggiungono – che il presidente della Seconda Commissione , Eros Brega, come richiesto da circa un mese, convochi in audizione i tre Commissari giudiziali che si stanno occupando della tutela dello stabilimento”.

Fiorini e Mancini ricordano che “gli operai della Ex-Pozzi sono in cassa integrazione speciale con validità fino al marzo 2018 e che i ratei mensili, come dichiarato dagli stessi, continuano ad arrivare con mesi di ritardo e con gravi imperfezioni rispetto alle spettanze sia per le giornate lavorative previste che per le cifre addebitate. Vorremmo capire, infine, se esistono richieste di acquisizione dello stabilimento e, soprattutto, se si tratta di realtà imprenditoriali affidabili che possano assicurare al territorio e all’azienda gli adeguati livelli produttivi e occupazionali”.

“Mai come in questo momento – commentano i due consiglieri leghisti – i lavoratori e il territorio hanno bisogno di trasparenza e chiarezza. Ecco, dunque – la necessità di abbattere ogni vincolo di segretezza e smetterla di dialogare nelle stanze segrete, aprendo il confronto a 360 gradi e lavorando tutti insieme ad una soluzione accettabile alla crisi”. RED/as

Fonte: Regione Umbria

Advertising