Capannori Con la ciclabile della via Francigena pedoni e ciclisti si muoveranno in sicurezza e il centro sarà riqualificato

da
Advertising

Capannori –

Con la ciclabile della via Francigena pedoni e ciclisti si muoveranno in sicurezza e il centro sarà riqualificato

Un nuovo modo di concepire la strada e gli spazi, per far sì che le auto siano obbligate ad andare a velocità ridotta e pedoni e ciclisti possano muoversi in sicurezza e comodamente: questo è la visione di città che guida l’amministrazione targata Menesini e che diventa realtà con la realizzazione della pista ciclo-pedonale della via Francigena.
Il sindaco di Capannori Luca Menesini – insieme all’assessore ai lavori pubblici Piero Bandoni, il dirigente del settore Stefano Modena e al progettista dell’opera l’architetto Damiano Iacopetti – ha presentato il progetto, primo e secondo lotto di lavori, ai cittadini della frazione capoluogo ieri sera (mercoledì 26), nella sede della Misericordia di Capannori. 
Per quanto riguarda il primo lotto dei lavori, ovvero la pista ciclopedonale che va dalla rotonda di Antraccoli in via Romana all’altezza della Misericordia, il cantiere sarà aperto entro il mese di agosto. La particolarità dell’intervento sarà che la ditta che eseguirà i lavori metterà in campo due squadre di operai, una che realizzerà la pista ciclo-pedonale verso Capannori centro, e l’altra che invece la costruirà verso Lucca.
La pista ciclopedonale della via Francigena, infatti, sarà la prima vera infrastruttura per pedoni e ciclisti che collegherà la città di Lucca con la città di Capannori. I lavori del primo lotto dovranno essere conclusi entro luglio 2018. Prima della fine dei lavori al primo lotto partiranno anche i lavori al secondo lotto della ciclabile della Francigena, che è quella che interessa la via Romana, dalla Misericordia fino alla chiesa. In questo caso, l’amministrazione Menesini ha scelto di cogliere l’occasione per rendere più bello il centro di Capannori, andando a realizzare, oltre alla ciclabile, un vero e proprio salotto urbano.
“La pista ciclo-pedonale della via Francigena è un’opera importante che interessa la frazione di Capannori in primo luogo, ma in realtà interessa tutti i cittadini, in particolare quelli che vivono nei paesi in pianura- spiega il primo cittadino Menesini –. Infatti, questa pista sarà l’infrastruttura che ci permetterà di andare a Lucca in bici pedalando in sicurezza, e questa opportunità sarà data a molti cittadini visto che da Capannori partono altre piste ciclabili che vanno verso Tassignano e Lammari. Lammari, in particolare, sarà collegato perfettamente con il tratto di ciclabile Lammari-Lunata che realizzeremo a inizio 2018. In più, con il secondo lotto dei lavori daremo bellezza al centro di Capannori, senza modificare la viabilità esistente. Modificheremo, però, l’impostazione: dopo il nostro intervento i cittadini avranno una via bella, con spazi per la socializzazione, dove i pedoni e i ciclisti sono i veri padroni della strada e le macchine dovranno per forza andare a 30 km all’ora. Nel tratto più stretto modificheremo anche la pavimentazione, andando a valorizzare l’aspetto di centro che questa zona e miglioreremo gli incroci con via della Libertà e via della Chiesa. Un grande progetto che sta dentro la visione complessiva della città di Capannori, e che passo dopo passo interesserà tutti i paesi dell’area centrale”.
I lavori del secondo lotto della via Francigena partiranno nel 2018, e si articoleranno secondo tre polarità: zona Misericordia, incrocio con via della Libertà e l’area della chiesa. L’intervento sarà anche l’occasione di dotare quest’area di acquedotto, ad oggi assente. Da sottolineare, infine, che l’intero intervento sarà realizzato con un occhio di riguardo alla questione delle barriere architettoniche, completamente eliminate. L’opera sarà comodamente percorribile anche con sedia a rotelle o spingendo un passeggino.

Advertising
Tags: