Firenze Musica dal vivo. Approvata da Consiglio comunale risoluzione del Partito Democratico

da
Advertising

Dare la possibilità anche ai locali che hanno una capienza inferiore ai 200 spettatori di poter svolgere musica dal vivo. Questo l’obiettivo della risoluzione approvata dal Consiglio comunale, prima firmataria Francesca Paolieri e sottoscritta anche da Cosimo Guccione, Maria Federica Giuliani, Luca Milani, Benedetta Albanese, Leonardo Bieber e Marco Colangelo.

“La risoluzione – spiega la Vice Capogruppo PD Francesca Paolieri – nasce dal fatto che il fenomeno della musica dal vivo è da sempre molto presente e valorizzato dalle istituzioni tramite, ad esempio, il Rock Contest a Firenze ed il bando Toscana 100 Band della Regione Toscana. I piccoli locali, con capienza sotto i 200 spettatori, pur potendo presentare una SCIA e organizzare spettacoli, sono soggetti alle normative riguardanti il pubblico spettacolo che, di fatto, rendono impossibile lo svolgimento degli eventi con poche decine di spettatori. Nel 2013 in Inghilterra è stata approvata la legge denominata “Live Music Act” che liberalizza gli eventi di musica dal vivo con meno di 200 spettatori, pur mantenendo regole molto rigide sugli orari e incentivando le esibizioni acustiche. Su quell’esempio, dunque, riteniamo sia importante – aggiunge Francesca Paolieri – dare la possibilità di organizzare piccoli eventi dal vivo di musica classica, rock, blues, jazz, funk o altro anche a Firenze ed in altre città e per questo la risoluzione chiede al presidente della VII Commissione del Senato di valutare la possibilità di introdurre nella nuova normativa sullo spettacolo dal vivo procedure semplificate che possano consentire anche ai piccoli locali, con capienza sotto i 200 spettatori, di svolgere musica dal vivo, superando le difficoltà burocratiche presenti oggi. Tale normativa dovrà tenere presente la possibilità di stabilire regole semplici, certe e chiare alle quali dovranno attenersi sia i gestori che gli artisti, al fine di garantire lo svolgimento di spettacoli dal vivo nel pieno rispetto della legge e di sviluppare sempre di più la diffusione della cultura musicale nel nostro Paese. A valutare – conclude la Vice capogruppo PD Paolieri – regole e procedure che mirino a tutelare gli artisti, in particolare giovani, sia per quanto attiene alla burocrazia che per gli aspetti economici relativi all’esibizione”. (s.spa.) 

Fonte: Comune di Firenze

Advertising