Firenze Silvia Noferi: “Il M5S richiede la pubblicazione della relazione tecnica ministeriale sul progetto del nuovo aeroporto”

da
Advertising

“La nostra mozione 586 chiedeva di sollecitare il Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare a rendere pubblica la relazione della Commissione Ministeriale competente per la valutazione di impatto ambientale relativamente al progetto del nuovo aeroporto di Peretola.

La relazione, come tutti ormai sanno – aggiunge la capogruppo del Movimento 5 stelle Silvia Noferi – è stata rilasciata il 2 dicembre 2016 ed è stata a lungo tenuta nascosta, fino a quando, tramite accesso agli atti, si sono potute leggere le importanti prescrizioni che contiene: si va dal calcolo delle zone di sicurezza in caso di incidente aereo, alle opere di compensazione per l’aumentata impermeabilizzazione del suolo, al monitoraggio dell’inquinamento dell’aria che viene stimato in aumento a causa del maggior traffico aereo e automobilistico, per arrivare al monitoraggio della salute della popolazione e al rischio di bird-strike.

La mozione è stata discussa in Commissione Ambiente alla presenza del Direttore Generale, Ing. Giacomo Parenti, il quale ha affermato che: “[…] relativamente al parere della Commissione VIA non c’è l’obbligo di pubblicazione da parte del Ministro perché è un atto endoprocedimentale che non è conclusivo del procedimento essendo un atto istruttorio”. Non solo, ma a detta dell’Ing. Parenti, “il Decreto VIA può anche non essere coincidente con il parere espresso dalla commissione”.

(vedi verbale della Commissione Ambiente del 15 giugno 2017 http://consiglio.comune.fi.it/sites/consiglio.comune.fi.it/files/verbali/verbale%20seduta%2015.06.17.pdf)

Sorgono due considerazioni, la prima è:

se non è obbligatorio non è detto che sia vietato pubblicare la relazione della Commissione VIA (come chiedeva la nostra mozione) e dato che non è nemmeno segreta (perché è stata consegnata a chi ne ha fatto formale richiesta tramite accesso atti) non avrebbe potuto portare nessun danno.

La seconda considerazione invece è che sembrerebbe alquanto bizzarro un Ministro che rilascia un Decreto VIA in contrasto con la relazione della commissione tecnica.

Forse – si chiede la capogruppo del Movimento 5 stelle Silvia Noferi – per questo residuale senso di vergogna hanno deciso di emanare in questo caldo mese di luglio un Decreto Legge che mal interpreta una direttiva europea esautorando completamente la Commissione tecnica e impedendo la presentazione delle Osservazioni del pubblico?

Forse – conclude Silvia Noferi – potrebbe essere una coincidenza, ma in quel caso, ancora di più, non sarebbe opportuno che tutti conoscessero le prescrizioni dei 50 tecnici che hanno studiato il progetto al fine di poter meglio progettare l’urbanistica della città di Firenze?”. (s.spa.) 

Fonte: Comune di Firenze

Advertising