Firenze Firenze città “elettrica”, in arrivo le prime due colonnine Fast Recharge accessibili a tutti i veicoli

da
Advertising

Continua l’impegno dell’Amministrazione comunale per Firenze città sempre più “elettrica”. Nell’ultima seduta la giunta ha approvato la delibera di adesione del Comune al progetto EVA+ con relativo protocollo d’intesa che sarà siglato tra Amministrazione ed Enel.

Il progetto prevede l’installazione di due ulteriori nuove stazioni di ricarica Fast Recharge Plus nei pressi dei caselli autostradali di Firenze Nord e Firenze Impruneta ma che, a differenza di quelle già presenti in città per i taxi elettrici, saranno utilizzabili da tutti i veicoli. Le due stazioni di ricarica fiorentine (per Firenze Nord sarà in viale Guidoni, per Firenze Impruneta nell’area di parcheggio di piazza Puliti) rientrano nel progetto europeo EVA+, vinto da Enel insieme a un consorzio di case automobilistiche e alla principale utility austriaca, che prevede l’installazione di 200 colonnine di ricarica veloce nel corridoio autostradale italiano e austriaco. Queste due stazioni si aggiungeranno alle 179 colonnine di ricarica Enel a uso pubblico presenti in città, un numero che pone Firenze in testa alla classifica delle città con più colonnine di ricarica. Le infrastrutture Enel sono del tipo “pole station”, possono ricaricare a 3,3kW (slow) o a 22kW (quick) e garantiscono l’alimentazione dei veicoli di nuova generazione così come quella dei veicoli già circolanti con una ricarica “intelligente” e “interoperabile”. L’interoperabilità è particolarmente importante perché il possessore del mezzo elettrico, con la sua electric card fornita dal venditore di elettricità, può effettuare la ricarica indipendentemente dalla società di vendita con cui è contrattualizzato.

Il protocollo prevede inoltre l’eventuale promozione di ulteriore iniziative di mobilità elettrica, anche attraverso collaborazioni e intese con enti pubblici e privati, per individuare “soluzioni di mobilità elettrica dedicati agli spostamenti casa-lavoro”.

(mf)

 

Fonte: Comune di Firenze

Advertising