Firenze La commissione Pari opportunità, pace, diritti umani, relazioni internazionali, immigrazione per il pieno rispetto dei diritti e della libertà in Venezuela

da
Advertising

La commissione Pari opportunità, pace, diritti umani, relazioni internazionali, immigrazione ha approvato una risoluzione per il pieno rispetto dei diritti e della libertà in Venezuela. L’atto, proposto dai consiglieri Francesca Nannelli, Serena Perini, Benedetta Albanese, Cosimo Guccione, Luca Milani, Alessio Rossi e Leonardo Bieber riprende le preoccupazioni più volte espresse dal Comune di Firenze per la situazione creatasi in Venezuela ricordando che la 7° Commissione Consiliare, lo scorso 8 aprile, ha partecipato a Firenze alla manifestazione di solidarietà al popolo venezuelano.

“Purtroppo – spiega la presidente della Commissione Serena Perini – il Venezuela continua ad essere attraversato da sempre più ampie manifestazioni di protesta nei confronti delle quali viene esercitata una dura repressione che coinvolge anche giornalisti e leader dell’opposizione che sono soggetti a ripetute intimidazioni ed altissimo è il numero delle persone in prigione, agli arresti domiciliari o in libertà vigilata per ragioni politiche. Occorre ricordare che vive in Venezuela una grande collettività italiana, 150.000 con passaporto in Venezuela e quasi 2 milioni di oriundi. In particolare – aggiunge la presidente della Commissione Serena Perini – con questa risoluzione chiediamo al Governo ed al Parlamento di adottare con urgenza ogni iniziativa utile, anche in sede di Unione europea e in collaborazione con gli organismi internazionali: per ottenere dal Governo venezuelano un atteggiamento costruttivo per superare la situazione critica in cui versa il Paese; per impegnarlo a ripristinare la separazione dei poteri e salvaguardare le attribuzioni dei diversi organi costituzionali; per riabilitare l’agenda elettorale e riattivare l’abilitazione politica dei candidati soppressa per motivi politici; per favorire un dialogo effettivo e stringente tra i diversi livelli di Governo, l’opposizione democratica e la società civile; per ottenere la liberazione di tutti i prigionieri politici ed il rispetto del diritto alla libertà di espressione, associazione e riunione sia nei confronti dei singoli cittadini sia nei confronti dei rappresentanti parlamentari e dei mezzi di informazione. Infine – conclude la presidente Serena Perini – di adottare con urgenza ogni iniziativa utile, anche in sede di Unione europea e in collaborazione con gli organismi internazionali, per alleviare la grave crisi umanitaria del Paese, in particolare a favore dei soggetti più deboli della società e ad approntare un piano straordinario di assistenza ai connazionali residenti in Venezuela, anche attraverso un rafforzamento delle nostre strutture diplomatico-consolari”. (s.spa.)

 

Fonte: Comune di Firenze

Advertising