[REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA] Salute: Serracchiani-Telesca, ampliare servizi medicine gruppo

da
Advertising

Udine, 28 lug – Nel primo semestre del 2016 sono state attivate
tutte le 48 aggregazioni funzionali territoriali (Aft) della
regione per un totale di 1.070.293 assistiti e 885 medici di
medicina generale (Mmg).

Il dato fa parte del quadro di aggiornamento complessivo sullo
stato di avanzamento delle forme organizzative dell’assistenza
primaria, previste dalla riforma del Sistema sanitario regionale
varata nel 2014 e illustrate oggi dalla presidente del Friuli
Venezia Giulia, Debora Serracchiani, e dall’assessore alla
Salute, Maria Sandra Telesca.

Per quanto riguarda le nuove Medicine di gruppo integrate, alla
fine del 2016 erano state presentate un totale di 60 domande in
regione (13 AsuiTs, 6 AsuiUd, 15 Aas 2, 9 Aas3 e 17 Aas 5) che
sono state tutte approvate e attualmente in corso di
realizzazione. La percentuale media di assistiti coperti in
medicina di gruppo è del 63,5%. Con l’aggiunta di ulteriori 12
nuove Medicine, le cui domande sono ancora in corso di
validazione, questa percentuale raggiungerà quota 76%.

L’obiettivo è quello di ampliare i servizi delle Medicine di
gruppo ad altre patologie. “Inizieremo a breve con la cura per lo
scompenso cardiaco”, ha anticipato il direttore regionale
dell’area Assistenza primaria, Aldo Mariotto, indicando dal punto
di vista organizzativo anche l’obiettivo di dotare della presenza
di almeno un infermiere tutte le medicine di gruppo “di
iniziativa” e di personale per l’esame dei dati diagnostici
tutte le Aft.

Infine, i Centri di assistenza primaria (Cap) finora attivati
sono 12: nell’AsuiTs quelli di Muggia e del distretto 2 e 4,
nell’AsuiUd quelli di Cividale e Manzano, nell’Aas 2 quello di
Grado, nell’Aas 3 quelli di Tarvisio, Ovaro, Buja, Mortegliano e,
infine, nell’Aas 5 quelli di Cordenons e San Vito al Tagliamento.
Di prossima attivazione quello di Zugliano (AsuiUd).

Sui Cap è stata favorita una fase di implementazione rapida e ora
ci sarà bisogno di un ulteriore consolidamento. “L’obiettivo
finale – ha indicato Serracchiani – è quello di attivare un Cap,
lo step organizzativo e funzionale più complesso, per ogni
Aggregazione funzionale territoriale”.

“È un viaggio che deve ancora proseguire ma che sta dando
risultati estremamente positivi”, ha commentato ancora la
presidente Fvg.

Per Telesca, “i dati sono molto soddisfacenti ma non sono ancora
il punto di arrivo”. A questo proposito è stata condivisa
l’indicazione del segretario regionale del sindacato Fimmg
(Federazione italiana medici di medicina generale), Romano
Paduano, per l’urgente necessità di migliorare infrastrutture e
servizi della rete informatica su tutto il territorio regionale.

“Assieme al miglioramento della comunicazione dei servizi ai
cittadini, questo è tra gli aspetti fondamentali su cui dobbiamo
ancora lavorare. Per avere attorno al paziente una rete di
professionisti che funzioni – ha affermato Telesca – abbiamo
necessità che le informazioni circolino: è un obiettivo complesso
sul quale stiamo lavorando perché, oltre all’adeguamento
tecnologico, dobbiamo fare i conti con la normativa sulla
privacy. Alcuni scogli sono stati superati, penso ad esempio alla
ricetta dematerializzata, ma – ha concluso l’assessore alla
Salute – tenendo conto che siamo partiti da zero tre anni fa
molti progressi sono stati fatti”.

(2-fine)
ARC/EPfc

Fonte: Regione Friuli Venezia Giulia

Advertising