Firenze Il Polifonico 2017: la 65esima edizione del Concorso Internazionale “Guido d’Arezzo”. Tanti gli eventi collaterali. Tutto a ingresso gratuito

da
Advertising

 

 

Ai nastri di partenza il Polifonico 2017, giunto alla sua 65esima edizione. Appuntamento da sabato 19 a sabato 26 agosto: una settimana ricchissima all’insegna di Arezzo capitale della musica.

Il sindaco Alessandro Ghinelli: “quest’anno il traguardo del 65esimo anno. Saranno presenti 15 cori, un numero consistente che dimostra l’importanza della manifestazione per la nostra città. Sono circa 500 le persone ospitate nell’ambito del Concorso Polifonico oltre a quelle che verranno per assistere, con un ottimo volano per il turismo. Questa edizione coincide anche con la nascita di Arezzo Città della Musica in palazzo di Fraternita, un fattore importante”

Il presidente della Fondazione Guido d’Arezzo Slavka Taskova Paoletti: “la targa che abbiamo messo in memoria di Guido Monaco nella piazza omonima, in occasione del primo Guido Day, è la dimostrazione dell’impegno della Fondazione. La musica è un linguaggio universale, che ci accompagna in ogni momento della nostra vita. Abbiamo istituito due premi internazionali che portano il nome di Arezzo anche fuori dalla città. Per l’impegno dimostrato ringrazio tutti i miei collaboratori”.

Varie e suggestive le sedi degli eventi: si comincia alle 20 di sabato 19 agosto con la “Notte dei cori”, un suggestivo itinerario fra chiostri, chiese e piazze del centro storico dove si esibiranno i cori del territorio aretino. Nell’ordine: chiesa di San Michele, ore 20,40, Pieve di Santa Maria ore 21, scalinata della Fraternita dei Laici ore 21,20, piazzetta del Praticino ore 21,40, Chiostro della casa del Petrarca ore 22, Giardino pensile della Provincia ore 22,20, Logge Vasari ore 22,40 e infine Pieve di Santa Maria ore 23.

Domenica 20 agosto, ore 10,30, in Duomo si svolgerà la messa solenne impreziosita da musiche di Claudio Monteverdi.

La Pieve, nell’ambito del “Guidoneum Festival”, ospiterà alle ore 21, dal 20 al 24 agosto, vari concerti: il 20 agosto si esibirà il Coro Giovanile Toscano diretto da Benedetta Nofri, il 21 sarà la volta del “UT- insieme Vocale-Consonante” diretto da Lorenzo Donati, il 22 insieme vocale Vox Cordis e gli allievi diplomandi della Scuola per Direttori di Coro della “Fondazione Guido d’Arezzo”. Il 23 si terrà il concerto di presentazione di tutti i cori partecipanti al concorso internazionale e il 24 quello della Filarmonica Guido Monaco e della Compagnia del Madrigale. Il 25 agosto in Pieve ci saranno alle 18,30 il coro Musicanova di Roma diretto da Fabrizio Barchi e alle 21 il “Festival Internazionale di Canto Popolare”. Il 26 agosto alle 18,30 toccherà alla chiesa di San Michele ospitare la musica sacra, con un concerto dedicato a Claudio Monteverdi, protagonista l’ensemble Odhecaton diretta da Paolo Da Col.

Il Concorso Polifonico Internazionale vero e proprio si articolerà tra il 24 e il 26 agosto presso la Pieve di Santa Maria e il Teatro Petrarca. Il 24 si comincia alle 15 in Pieve, si torna in Pieve il 25 al mattino alle 9,30 e di pomeriggio alle 15, mentre il 26 agosto il Polifonico si sposterà al Teatro Petrarca: alle 9,30 ancora esibizioni corali, alle 16 il Gran Premio Città di Arezzo, alle 21 ultime performance dei cori e dalle 21,30 gran finale con la Cerimonia di Premiazione e ancora il coro Musicanova di Roma.

I 15 gruppi corali partecipanti al Concorso Polifonico provengono da Austria, Cina, Irlanda, Italia, Lettonia, Norvegia, Polonia, Puerto Rico, Regno Unito, Russia, Spagna, Turchia, Ungheria. L’ingresso è gratuito per ogni evento.

Da rilevare che gli eventi musicali del Concorso Polifonico (24-25-26 agosto) saranno trasmessi in streaming audio video e da Radio CEMAT, visibili in tutti i Paesi del mondo, collegandosi al sito www.polifonico.org e in seguito saranno visibili su Youtube.

Per chi volesse approfondire alcuni specifici aspetti della polifonia, alla Casa del Petrarca, mercoledì 23 agosto ore 17 e giovedì 24 ore 10, è previsto il Convegno Nazionale sulla Direzione di Coro organizzato dalla Fondazione Guido d’Arezzo e curato dal Maestro Lorenzo Donati. Due sessioni saranno dedicate all’evoluzione della coralità amatoriale italiana.

 

Fonte: Comune di Arezzo

Advertising