Capannori ‘Il piatto forte’ fa il bis. Torna il concorso gastronomico nazionale rivolto ai provetti cuochi tra i 18 e i 35 anni

da
Advertising

Capannori –

conferenza stampa

Dopo il grande successo della prima edizione torna il concorso gastronomico nazionale “Il piatto forte” aperto a tutti gli appassionati di cucina tra i 18 e i 35 anni, organizzato dall’associazione Donatori di sangue Vallisneri in collaborazione con Comune di Capannori, Provincia di Lucca, Fondazione Banca Del Monte di Lucca, Fondazione Palazzo Boccella, Scuola Made, Cir Food e il progetto “Gustare locale” dell’associazione Di Testa Mia.

L’iniziativa è stata presentata questa mattina (venerdì) con una conferenza stampa svoltasi nella sede comunale alla quale sono intervenuti l’assessore alle politiche giovanili, Lia Miccichè,  il presidente dell’associazione Donatori di sangue Vallisneri Davide Del Carlo, il consigliere provinciale Enzo Giuntoli, Leonardo Maccanti dell’associazione ‘Di Testa Mia’, Alessandro Simonelli e Veronica Benvenuti di CIR Food e Flavia Saladino vincitrice della prima edizione del concorso gastronomico e oggi nel team organizzativo.

Per la seconda edizione viene confermata la formula “vincente” di “Il piatto forte”: un vero e proprio cooking show itinerante che coinvolgerà tre ristoranti di Capannori e della Piana di Lucca, dove nel mese di ottobre si svolgeranno le eliminatorie.  I concorrenti dovranno preparare piatti che saranno giudicati dalla giuria in sala. Al termine di ogni eliminatoria sarà eletto un vincitore che accederà alla finalissima di Palazzo Boccella a San Gennaro, in programma sabato 11 novembre 2017. Novità importante dell’edizione 2017 l’utilizzo di prodotti a chilometri zero per la preparazione dei piatti.
Le iscrizioni per partecipare al concorso rimarranno aperte fino a lunedì 18 settembre.

“Siamo davvero soddisfatti che in seguito al successo ottenuto con la prima edizione questa iniziativa venga riproposta anche quest’anno –  afferma l’assessore alle politiche giovanili, Lia Miccichè -.  Una delle caratteristiche principali de Il piatto forte è  quella di stimolare la creatività e rendere protagonisti i giovani, aspetti per noi molto importanti .  Quest’anno il concorso compie un passo avanti e si lega ancor più al territorio prestando una particolare attenzione a prodotti locali, poichè  durante le prove saranno utilizzati molti ingredienti prodotti in loco. Ringrazio i Donatori di sangue Vallisneri per aver ideato questa iniziativa e per portarla avanti riuscendo a fare rete con altri soggetti, innalzando così la qualità del concorso”.

“Essere giunti alla seconda edizione del concorso è per noi motivo di orgoglio – spiega il presidente dell’associazione Donatori di Sangue Vallisneri, Davide Del Carlo  -. La nuova edizione, sebbene confermi le caratteristiche principali di quella passata, presenta alcune novità che vogliono migliorare il format. Oltre all’attenzione per i prodotti locali, abbiamo  introdotto  alcuni cambiamenti che  credo renderanno la sfida culinaria  più avvincente, in particolare per quanto riguarda la finale di Palazzo Boccella. Auspico che anche quest’anno si registri la grande partecipazione e l’entusiasmo che hanno contraddistinto la prima edizione del concorso con cui vogliamo valorizzare e far emergere i migliori giovani talenti culinari d’Italia”. 

Come partecipare. I provetti cuochi che volessero partecipare a “Il piatto forte”, entro il 18 settembre 2017 devono inviare il modulo di iscrizione  e una fotografia di un piatto da loro realizzato, corredata da hashtag #ilpiattoforte scritto su qualsiasi supporto all’indirizzo email ilpiattofortecapannori@gmail.com. Sono ammesse massimo due candidature di piatti diversi. Il concorso è aperto a tutti i giovani residenti in Italia di età compresa tra i 18 e i 35 anni. L’iscrizione è gratuita. Anche i ristoranti che volessero ospitare le prove possono candidarsi tramite apposita modulistica.

Come funziona. I concorrenti si sfideranno 3 alla volta, in 3 serate diverse presso ristoratori locali che avranno dato la disponibilità ad accogliere le serate. Alcuni degli ingredienti che i provetti chef dovranno utilizzare saranno a “chilometri zero” visto che proverranno da produttori locali che hanno aderito al progetto “Gustare locale” promosso dall’associazione “Di Testa Mia” in collaborazione con Coldiretti Lucca.

Giuria e criteri di giudizio. I preparati e le ricette saranno valutati da un’apposita giuria formata da tre componenti: giuria popolare (il pubblico a cena), un esperto gastronomo (o uno chef o giornalista del settore) e il ristoratore. La giuria, le cui componenti hanno pari pesi, valuterà la presentazione, gli aspetti gustativi e l’intensità della percezione in base ad appositi criteri e punteggi.

Premiazione. La premiazione avverrà contestualmente alla finale dell’11 novembre a Palazzo Boccella. Ai primi due classificati sarà consegnato un assortimento di prodotti tipici offerti dagli sponsor e dai produttori locali del progetto “Gustare locale”. Inoltre il primo classificato si aggiudicherà un premio in denaro di 1.000 euro; al secondo classificato, invece, andranno 500 euro. Al terzo classificato, invece, sarà consegnato un cesto di prodotti tipici.
Per informazioni:www.comune.capannori.lu.it www.facebook.com/ilpiattoforte, ilpiattofortecapannori@gmail.com, fabriziobrecevich@hotmail.it, 3406607949 (Francesca Navarini), 3208252173 (Flavia Saladino).

Advertising
Tags: