PORCARI Cattedre vacanti per oltre 350 supplenti – Cronaca

da
Advertising

Porcari (LUCCA) –

LUCCA. Manca ormai una sola settimana all’inizio della scuola e le cattedre rimaste vacanti dopo le immissioni in ruolo di pochi giorni fa sono circa trecentocinquanta.

Un numero ottenuto dalla somma dei posti non ancora assegnati e che fotografa la situazione delle scuole di ogni ordine e grado sulla provincia di Lucca, esclusa la Versilia. La cifra è comprensiva delle posizioni scoperte anche per il sostegno (attualmente 216), sebbene questo dato sia destinato a salire perché da stamani, l’Ufficio scolastico territoriale di Lucca e Massa Carrara pubblicherà sul proprio sito anche la lista dei posti disponibili per quanto riguarda il sostegno nelle scuole secondarie di secondo grado. Dopo la “chiamata” di circa duecento insegnanti nominati a tempo indeterminato, infatti, per il prossimo anno scolastico si attende la convocazione di almeno 352 supplenti che andranno a coprire le cattedre intere. Ma sono tantissimi ancora, i nominativi necessari per occupare le cosiddette cattedre a orario esterno (Coe) e quelli che saranno scelti per portare avanti gli “spezzoni”, ovvero supplenze su cattedre spalmate su diversi istituti.

Da Lucca a Capannori, da Montecarlo a Porcari, per la scuola dell’infanzia (ex materna) si cercano attualmente 3 docenti. Un numero che sale vertiginosamente quando si fa riferimento alle cattedre di sostegno, ben 55. Centodue, invece, gli insegnanti di sostegno che mancano ancora nelle scuole primarie (elementari) della provincia. Venti, quelli ricercati per i “posti comuni”, di cui sei dovranno essere impiegati per l’insegnamento della lingua inglese. E ancora, i posti disponibili per gli incarichi a tempo determinato dei docenti delle scuole secondarie di I° grado (ex scuole medie), raggiungono quota 27 se consideriamo le cattedre intere, mentre si registrano 15 posizioni vacanti per il sostegno fino al 31 agosto prossimo e 44 fino al 30 giugno, per un totale 59 assegnazioni. Insegnanti cercansi, anche per le scuole secondarie di II° grado (ex superiori) che, senza considerare la Versilia, raggiungono quota 86.

Tantissime le cattedre per ora scoperte, anche per quanto riguarda le materie di indirizzo dei diversi istituti. Dalle discipline letterarie, a quelle comprensive di latino e greco, dalla filosofia alle scienze umane, passando per la fisica, la geografia, la matematica fino alle lingue e alle culture straniere, le chance per chi è ancora in attesa di sapere se, nei prossimi mesi, lavorerà o resterà a casa, sono davvero parecchie. In molti casi, si parla addirittura di supplenze annuali, ma non mancano nemmeno quelle più brevi.

«Conclusa la scorsa settimana la fase delle immissioni in ruolo – spiega la dirigente dell’ufficio scolastico provinciale di Lucca e Massa Carrara, Donatella Buonriposi – adesso provvederemo a nominare, dalle graduatorie ad esaurimento, le persone che andranno a ricoprire incarichi annuali». La deadline per questa operazione è il 15 settembre, il giorno in cui per migliaia di studenti suonerà di nuovo la campanella. «A quel punto, la palla passerà in mano ai presidi degli istituti – prosegue la Buonriposi – perché i posti che resteranno a disposizione verranno, come si dice in ergo “restituiti alle scuole”». Un modo per dire che, da quel momento in poi, saranno gli stessi dirigenti ad assegnare i posti vacanti nominando gli insegnanti attingendo dalle graduatorie di istituto.

«Vedremo se riusciremo a completare tutto entro settembre – conclude la Buonriposi – Teniamo conto che i presidi potrebbero immediatamente non riuscire a trovare i supplenti perché o impegnati su un’altra cattedra o in attesa

di un periodo di lavoro più lungo. Certo è che, pur non avendo una data di scadenza, l’urgenza di nominare il personale docente è evidente e gli stessi dirigenti faranno di tutto per convocare nel più breve tempo possibile gli insegnanti che andranno a ricoprire le cattedre vacanti».

Fonte: Il Tirreno

Advertising