PORCARI Aprirà la prossima settimana il cantiere per i lavori all’Erta – Cronaca

da
Advertising

Porcari (LUCCA) –

PORCARI. Non è un’opera qualunque per la comunità porcarese. La Ruga dell’erta della chiesa è uno dei simboli del paese. E dopo una lunga fase preliminare, il “lotto zero” e il via libera della Soprintendenza, la prossima settimana si aprirà il cantiere per il rifacimento e il restauro conservativo dell’antico acciottolato che porta alla chiesa di San Giusto. Cantiere che verrà aperto nell’area dell’ex tipografia, con accesso da metà dell’erta.

«Finalmente ci siamo» commenta il vice sindaco e assessore ai lavori pubblici Franco Fanucchi. Nel tavolo dell’11 settembre, che ha coinvolto tutti i soggetti, tra cui il sindaco Leonardo Fornaciari, lo stesso Fanucchi, il vicario del vescovo Michelangelo Giannotti, il parroco Americo Marsili, il progettista Yurji Filieri, Paolo Cecati della Soprintendenza (oltre alla ditta appaltatrice e ai tecnici di Comune e parrocchia), sono state decise le ultime variazioni progettuali e si è concordato la tempistica dei lavori, la cui durata sarà di circa 110 giorni, salvo ritardi dovuti al maltempo.

«Questo è stato l’ultimo passaggio ed entro la fine della prossima settimana apriremo il cantiere», annuncia Fanucchi. Il Comune ha disposto alcune modifiche alla circolazione. L’obiettivo è favorire l’accesso alla chiesa e riqualificare il selciato, mantenendo la fisionomia originaria della ruga dell’erta.

Tecnicamente l’acciottolato verrà smontato a piccoli lotti e rimontato dopo averlo recuperato. In pratica non verrà smontato tutto assieme ma a piccole porzioni. I camminamenti laterali saranno due, uno per lato, realizzati in una pietra speciale con caratteristiche antiscivolo, e permetteranno un accesso più agevole alla chiesa parrocchiale anche grazie a una ringhiera posta lateralmente al camminamento lato sud. Sono previsti anche accessi per agevolare il transito delle persone con passeggino, anziani e disabili con carrozzella. I lampioni attuali verranno rimossi e sostituiti con altri più moderni a led e, inoltre, verranno spostati più lateralmente rispetto alla collocazione attuale. Un intervento necessario visto che da diversi anni la Ruga si sta deteriorando in maniera importante. L’intervento, curato dal progettista Filieri, costerà 300.000 euro. «Ha avvio così un’opera di restauro importante di una strada che è anche un monumento, ma soprattutto un simbolo della nostra comunità – dice il vicesindaco – un’opera attesa ormai da troppo tempo in un luogo a cui tutti i cittadini sono legati affettivamente».

Fanucchi ringrazia la «Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca che con il suo contributo ha reso possibile il restauro». Una volta conclusa l’opera non sarà più possibile la sosta delle auto, garantita solo sul piazzale antistante la chiesa.

Nicola Nucci

Fonte: Il Tirreno

Advertising