PORCARI Torna la Festa del presente, il dono come cultura di libertà

da
Advertising

LUCCA – Torna la Festa del presente, giunta alla sesta edizione. Nata nel 2012 a Porcari, per la terza volta quest’anno verrà ospitato all’interno del centro storico di Lucca. Si celebra pochi giorni dal “Giorno Nazionale del Dono” (4 ottobre), ricorrenza istituita dal Senato italiano nel 2015 per diffondere “la cultura del dono in quanto espressione dei valori primari della libertà e della solidarietà affermati dalla Costituzione”.

 

La “Festa del presente”, in programma domenica 1 ottobre dalle 10 alle 19, è una festa in cui tutti regalano di tutto, una giornata in cui non si usa denaro e non si scambia nulla ma ciascuno dà ciò che vuole e prende ciò che desidera. Una giornata in cui si festeggia il presente facendo e ricevendo regali. L’idea è quella di un giocoso ribaltamento temporaneo del meccanismo alla base dei rapporti economici: quello di scambiare sempre una cosa con un’altra cosa. L’unica regola della “Festa del presente” è infatti quella di dare senza avere nulla in cambio e di prendere senza l’obbligo di dare nulla in cambio.

 

E’ un’occasione in cui si possono regalare abiti, libri, mobili e cose usate, si possono tenere conferenze, laboratori, fare interventi di musica, teatro o danza, presentare opere, fare consulenze e ripetizioni, tenere lezioni sugli argomenti più vari, raccontare storie, tagliare i capelli, fare massaggi, e di conseguenza, ognuno può beneficiare di ciò che gli altri sono disposti a dare.

 

Una festa da cui tutti sono destinati ad uscire più ricchi, senza che sia circolato denaro e senza che gli indicatori economici abbiamo quindi potuto accorgersene. Una situazione che mette in discussione l’idea che il denaro sia l’unico modo per misurare la ricchezza e contemporaneamente l’occasione per darsi concretamente una mano regalando ciò che si può a chi lo gradisce e soprattutto a chi ne ha bisogno.

Non viene utilizzato denaro per la sua organizzazione e non è quindi possibile fare donazioni per sostenerla. La comunicazione si fonda dunque unicamente sul passaparola, sul web, sul sostegno di associazioni e singoli, e sulla disponibilità di testate stampa, radio e tv a dedicarle spazio.

 

Invitiamo tutti a collaborare attivamente diffondendo la notizia a chi potrebbe non essere raggiunto da questa comunicazione e a partecipare numerosi portando tutto ciò che in casa non è più utilizzato e che invece potrebbe essere utile ad altri.

 

Oltre a portare vestiti, libri e oggetti direttamente alla Festa, è anche possibile consegnarli presso la Pia Casa, in via Santa Chiara, Lucca, nei seguenti giorni ed orari: sabato 30 settembre dalle16 alle19 e domenica 1° ottobre dalle 9 alle 12. Chi volesse ulteriori informazioni sulle modalità di partecipazione può mettersi in contatto con il comitato organizzatore della festa scrivendo a info@nulllafestadelpresente.it o telefonando ai seguenti numeri: 342.0591932 – 348.3213503.

 

Questa sesta edizione della festa sarà particolarmente ricca: ci sarà uno spazio per le cose, i vestiti, i libri, i cd e i giocattoli, uno spazio per le performance, uno per le conferenze e uno dedicato ai workshop (per grandi e bambini). Il programma, ricchissimo e di qualità, sarà disponibile a breve sul sito della festa e sulla relativa pagina FB (www.lafestadelpresente.it / https://www.facebook.com/lafestadelpresente/?fref=ts).

 

La festa del presente è promossa dal Comune di Lucca in collaborazione con numerosi enti e associazioni ed enti privati (la lista degli enti e delle associazioni aderenti, in continuo aggiornamento, è consultabile sul sito web della festa così come l’elenco delle mediapartnership).

Fonte: Lo Schermo

Advertising