[ REGIONE TOSCANA ] Infogroup, dall'azienda garanzie per occupazione e mantenimento sul territorio

da
Advertising

FIRENZE – La garanzia di mantenimento dei livelli occupazionali e della permanenza sul territorio dell’attività di Infogroup, a seguito della vendita in atto al gruppo Engineering, sono stati chiesti, anche a nome del presidente Enrico Rossi, dal consigliere per il lavoro Gianfranco Simoncini che oggi ha convocato un incontro al quale hanno preso parte l’assessore al lavoro del Comune di Firenze Federico Gianassi, un tecnico della Regione Piemonte, l’amministratore delegato di Infogroup Massimo Del Vecchio,  il responsabile del settore affari istituzionali, sindacali e politiche del lavoro del Gruppo Intesa Alfio Filosomi.   

Infogroup e Intesa hanno fatto presente che sono state seguite appieno le procedure di informazione delle organizzazioni sindacali – previste dall’accordo di secondo livello sottoscritto dalle parti e più ampie rispetto al contratto nazionale che non prevede alcuna informativa – in merito al passaggio del pacchetto azionario nella proprietà dell’azienda.  

Da parte delle due società è stato ribadito che, secondo il contratto definito con l’acquirente, per i prossimi cinque anni non vi sarà nessun licenziamento fra i lavoratori di Infogroup e che questo è possibile anche alla luce dell’accordo commerciale che lega, per i prossimi cinque anni, la nuova proprietà a Banca Intesa per le attività ad oggi svolte da Infogroup.

Le aziende hanno inoltre garantito che non è in discussione nemmeno la territorialità dell’attività – anch’essa garantita dall’accordo commerciale – che resteranno a Firenze e in Piemonte.  Hanno informato anche sulla possibilità di permanenza di una serie di strumenti contrattuali, legati all’attività con Banca Intesa, di cui i lavoratori potranno continuare ad usufruire anche dopo il passaggio ad Engineering.

Dall’incontro è emerso anche che la chiusura del contratto di acquisizione del pacchetto azionario da parte della società Engineering potrebbe chiudersi entro fine anno, al termine delle verifiche da parte degli organismi di vigilanza bancaria e antitrust.
Ulteriori aspetti contrattuali saranno discussi successivamente con la nuova proprietà.

Al termine del confronto Simoncini ha preso atto delle posizioni espresse dall’azienda e sottolineato il fatto che la società Engineering, che conta oltre 9000 dipendenti a livello mondiale, è una società di primo livello nel campo dei servizi informatici e bancari con la quale, peraltro, la Regione già collabora e ha manifestato la disponibilità a continuare a collaborare.

Nei prossimi giorni il consigliere del presidente convocherà le organizzazioni sindacali per riferire i risultati dell’incontro di oggi.     
       

Fonte: Regione Toscana

Advertising