PORCARI Via il semaforo, aspettando la rotonda – Cronaca

da
Advertising

Porcari (LUCCA) –

CAPANNORI. La prossima settimana aprirà il cantiere per la realizzazione della rotonda di Zone che sorgerà all’incrocio tra via Pesciatina, via della Cateratta, via don Emilio Angeli e via della Fratina. Tutte strade che costituiscono importanti e trafficate direttrici notevolmente trafficata, sia in direzione est-ovest con la via Pesciatina che conduce da Lucca a Pescia, sia in direzione nord-sud, permettendo attraverso via Don Emilio Angeli e via della Fratina il collegamento tra la frazione di Segromigno e l’abitato di Porcari. Si tratta di un’opera molto attesa, sia dai cittadini che dai pendolari che quotidianamente si muovono tra la Lucchesia e la Valdinievole, poiché l’incrocio è attualmente regolato da un semaforo che ha tempi di attesa molto lunghi dovuto alla conformazione stessa dell’intersezione, in parte a “T” e in parte a “Y”. Nelle ore di punta del giorno si generano lunghe code con conseguente aumento della sosta a motore acceso dei veicoli e quindi di inquinamento acustico e di emissioni nell’aria.

La rotonda, il cui progetto è stato presentato dall’amministrazione nei giorni scorsi nel corso un’assemblea pubblica, servirà a risolvere queste problematiche, poiché renderà la circolazione più fluida e più sicura diminuendo anche i tempi di percorrenza.

L’inizio dei lavori prevede la realizzazione di una rotatoria provvisoria che, compatibilmente con la presenza del cantiere, servirà ad abituare gli automobilisti al nuovo tipo di regolazione del traffico; nonché la dismissione del semaforo.

«La rotatoria di Zone è un’opera significativa e attesa dai cittadini che la nostra amministrazione va a realizzare per migliorare la percorribilità e la sicurezza stradale in uno degli snodi viari più importanti del territorio – spiega l’assessore ai lavori pubblici Pier Angelo Bandoni – un’opera strategica per la mobilità della Piana che andrà a migliorare i flussi di traffico principale, ma anche a incidere positivamente sui flussi di traffico secondari. La presenza di una rotatoria provvisoria ci consentirà di monitorare l’andamento del traffico e servirà a educare gli automobilisti alla nuova viabilità, cosicché quando la nuova infrastruttura sarà pronta il traffico sarà praticamente già autoregolato»

La rotatoria, che avrà un costo complessivo di 275 mila euro, cofinanziato dalla Regione Toscana con 120 mila euro nell’ambito di un progetto sulla sicurezza stradale, avrà un diametro esterno di 36 metri, mentre la larghezza della corsia ad anello sarà di 7 metri. Lungo i bordi della rotatoria verranno realizzati marciapiedi, larghi un metro e mezzo collegati sui bracci con attraversamenti pedonali a raso situati ad adeguata distanza rispetto alle isole spartitraffico. Lungo via della Cateratta sono previste aree verdi e

di sosta pubblica. La conformazione delle barriere spartitraffico su via della Fratina impedirà la svolta del flusso di traffico proveniente da Pescia, che sarà obbligato ad utilizzare la rotatoria per poter eseguire tale svolta, in modo da evitare una pericolosa interferenza.

Fonte: Il Tirreno

Advertising