[ALTOPASCIO] Da Carraia a Porcari, tante proteste per i Tir

da
Advertising

CAPANNORI. L’amministrazione comunale si dice pronta a trovare una soluzione alle criticità di via di Carraia. Una risposta che arriva dopo la petizione promossa da un gruppo di cittadini per chiedere soluzioni ai problemi e controlli in quel tratto di strada compresa tra l’A11 e la zona industriale del Pip di Carraia.

Nei giorni scorsi lo storico comitato di Toringo, Parezzana e Carraia ha lamentato la presenza costante e massiccia di camion che passano vicino alle abitazioni e con una carreggiata stretta e poco illuminata.

«Su via di Carraia faremo uno studio di flussi del traffico che evidenzierà provenienza e destinazione di marcia dei mezzi, con un particolare rilievo per quelli pesanti, per trovare le soluzioni efficaci – dichiara l’assessore ai lavori pubblici Pierangelo Bandoni – come per via dei Masini a Marlia». Sono troppi infatti anche i mezzi pesanti che ogni giorno dalla zona industriale di San Pietro a Vico attraversano il territorio di Marlia, percorrendo via Masini e viale Europa in direzione dell’ingresso autostradale del Frizzone, con i residenti costretti a sopportare una condizione al limite della vivibilità per smog e vibrazioni.

Per il consigliere comunale Giordano Del Chiaro «la soluzione potrà venire solo da una viabilità alternativa, ma intanto auspichiamo una più equa ripartizione dei carichi di transito, soprattutto quando esistono alternative praticabili e più agevoli come l’ingresso sul Brennero per i camion destinati alla zona industriale».

Al vaglio anche la possibilità di introdurre un senso unico di percorrenza per i mezzi pesanti su via Masini e viale Europa. Da Marlia a via del Casalino a Lunata nel Capannorese, passando da via Ciarpi (a Porcari) fino alla via Romea (ad Altopascio). C’è, insomma, una sorta di mappa della protesta, quella contro “l’invasione” di tir e camion su strade inadeguate.

Il problema del traffico pesante è molto sentito anche ad Altopascio dove da anni si batte il comitato di cittadini che abitano lungo la via Francesca Romea che chiedono interventi perché sono assediati e chiedono di prendere in considerazione il progetto della circonvallazione di Altopascio, il cosidetto terzo lotto, in considerazione del previsto potenziamento della ferrovia Lucca-Firenze. Da anni lungo la via Romea sono state sistemate alcune telecamere per controllare che i mezzi pesanti rispettino i divieti imposti dal Comune. Ma ci sono anche i “furbetti” che passano da Badia Pozzeveri per aggirare i sistemi di videosorveglianza o raggiungere più velocemente la zona di Bientina. Eppure, il divieto che dovrebbe impedire ai camion l’accesso al centro del paese è ben visibile.

A Porcari si stanno valutando i preventivi per l’installazione di tre varchi telematici collegati con la una centrale operativa collocata nel comando della polizia municipale. Le telecamere a infrarossi saranno tarate sui soli mezzi pesanti e segnaleranno in tempo reale eventuali

transiti non autorizzati. I varchi saranno collocati nella zona Esselunga a ovest, in via Fratina a nord-ovest e in via Galgani a nord. Potranno ovviamente transitare dai varchi i mezzi pesanti autorizzati, mentre per i trasgessori scatterà la multa.

Nicola Nucci

Fonte: Il Tirreno

Advertising