Firenze Piazza della Vittoria, Fratelli d'Italia: “Sospendere subito il progetto e rivedere alberature e arredi”

da
Advertising

“Auspichiamo vivamente che il progetto di riqualificazione di Piazza della Vittoria, presentato ieri sera in un’assemblea infuocata ed oggi in commissione ambiente, venga momentaneamente sospeso e successivamente rivisto, quantomeno nella scelta delle alberature e degli arredi urbani”. Questo è quanto dichiara il capogruppo di Fratelli d’Italia in Consiglio Comunale, Francesco Torselli, assieme ai dirigenti dello stesso partito, Leonardo Niosi ed Alessandro Draghi.

“Il progetto presentato – spiegano gli esponenti di Fratelli d’Italia – non ha convinto, né i residenti, né i frequentatori abituali della piazza. Al centro delle proteste, la decisione del Comune di abbattere tutti i 42 pini della piazza (anche quelli classificati come sani) e gli arredi scelti per la nuova piazza, troppo moderni e non in linea con la storicità del luogo”.

“La proposta di sostituzione dei pini – spiegano Niosi e Draghi, presenti ieri sera all’assemblea organizzata da Palazzo Vecchio coi cittadini della zona – con tigli, lecci ed altri alberi, non solo snatura l’immagine della piazza, ma rende Piazza della Vittoria uno spazio che tornerà ad essere fruibile solo tra qualche decennio, ovvero quando i nuovi alberi saranno cresciuti”.

“Per non parlare degli arredi – aggiungono i due dirigenti del partito di Giorgia Meloni – che prevedono panchine curve, alte, moderne e senza schienale che non solo non hanno niente a che fare col contesto della zona, ma diventano anche inaccessibili ai cittadini più anziani e con difficoltà motorie”.

“L’assessore Bettini – conclude Torselli – si è presa una settimana di tempo per decidere se rimettere mano o meno al progetto. Ci auguriamo che il PD, questa volta, ascolti i cittadini e non prosegua in un progetto che, più che di riqualificazione, appare di scempio di Piazza della Vittoria”. (s.spa.) 

Fonte: Comune di Firenze

Advertising

Leave a Reply

Your email address will not be published.