PORCARI Dopo 18 mesi, si conclude senza licenziamenti la vicenda Snaitech

da
Advertising

FIRENZE – Buone notizie per i lavoratori di Snaitech: l’incontro che si è svolto a Confindustria Firenze si è concluso con un’ipotesi di accordo positivo che esclude i licenziamenti.

Al tavolo erano presenti l’azienda e il coordinamento sindacale ed è stato ripercorso il lungo cammino di questa vertenza che ha visto l’iniziale procedura di mobilità – aperta lo scorso marzo – che prevedeva 66 lavoratori in esubero e che successivamente è stata gestita con ammortizzatori sociali e uscite volontarie con l’incentivo all’esodo, a cui è seguita, nel mese di ottobre, una nuova condizione procedurale, dove erano interessati 14 lavoratori tra le sedi di Milano, Roma e Porcari.

 

«A seguito di uscite volontarie di lavoratori e altri che hanno optato per la riduzione di orario – spiega Massimo Braccini, coordinatore nazionale della Fiom-Cgil – è stato possibile trovare un’intesa che prevede collocazioni in altre sedi per alcuni lavoratori, con la messa a disposizione di un alloggio da parte dell’impresa».

 

La procedura è stata quindi conclusa con un accordo sindacale senza licenziamenti.

«Per domani – prosegue Braccini – è stata convocata l’assemblea dei lavoratori di Porcari e, a seguito, nelle altre sedi, per spiegare i termini dell’accordo che sarà soggetto all’approvazione dei lavoratori tramite referendum».

 

L’accordo chiude di fatto una fase complessa che è durata oltre 18 mesi: «A breve – conclude Braccini – inizieremo a discutere della contrattazione aziendale per tutti i lavoratori Snaitech delle varie sedi in Italia, con l’apertura di uno specifico tavolo nazionale».

Fonte: Lo Schermo

Advertising