PORCARI “Acqua Alta Qualità” compie 10 anni e fa un focus sulle fontane lucchesi

da
Advertising

LUCCA – Mostrare come l’acqua della rete idrica sia un’ottima acqua da bere e indicare un’opportunità di comportamento sostenibile da un punto di vista ambientale. Con questo duplice scopo, nel 2007, Acque SpA costruiva il primo impianto pubblico per la distribuzione di acqua ad alta qualità, nel Comune di Pescia. Dato che in passato in quel punto c’era una struttura che la popolazione chiamava “fontanello”, fu mantenuto quel nome. Dall’anno successivo, il gestore idrico ha progettato e realizzato i fontanelli in tutto il territorio gestito, arrivando a festeggiare i 10 anni dell’esperienza con 54 impianti attivi nel Basso Valdarno.

 

Dal 2008 ad oggi, le finalità del progetto “Acqua ad Alta Qualità” sono rimaste le stesse: avvicinare la popolazione al consumo domestico dell’acqua di rete, garantire una riduzione della produzione di rifiuti, offrire una chance di risparmio, sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza della risorsa contrastandone lo spreco. Dalla provincia di Pisa all’Empolese-Valdelsa, dalla Valdinievole alla Lucchesia, gli impianti di Acque SpA ogni anno erogano gratuitamente milioni di litri d’acqua potabile, consentendo la diffusione di buone pratiche e la riscoperta di una socialità che storicamente è sempre appartenuta ai nostri territori.

 

I DATI – Nel solo 2017, i 54 fontanelli di Acque SpA hanno erogato gratuitamente 38 milioni di litri di acqua. Prendendo come dato di riferimento il costo medio dell’acqua in bottiglia dichiarato da Mineracqua (0,21 €/litro), in un anno Acque SpA ha permesso agli utenti che hanno usufruito dell’acqua erogata dai fontanelli di risparmiare una cifra che può essere stimata in circa 8 milioni di euro. A distanza di 10 anni dal pieno avvio del progetto, si calcola che siano stati oltre 50 milioni gli euro risparmiati dalle famiglie grazie a questi impianti. Nel 2017, inoltre, sono stati “risparmiati” 25 milioni di bottiglie, pari a più di 1000 tonnellate di plastica, 2.324 tonnellate di anidride carbonica emesse in meno nell’ambiente, oltre a svariate tonnellate di idrocarburi, ossidi di zolfo, azoto e monossido di carbonio, solitamente impiegate nel processo di produzione e trasporto dell’acqua in bottiglia.

 

I FONTANELLI LUCCHESI – Molto utilizzati i tre impianti nella provincia di Lucca, a partire da quello di Marlia a Capannori, che nel 2017 ha erogato 672 metri cubi d’acqua potabile, seguito a ruota dal fontanello di Porcari (639 metri cubi) e da quello di Gossi a Montecarlo (588 metri cubi). I quasi 2 milioni di litri d’acqua complessivamente erogati dai tre impianti hanno consentito ai cittadini che ne hanno usufruito di risparmiare circa 400mila euro, con ottimi risultati anche dal punto di vista ecologico: 1 milione e 300mila bottiglie in meno, 52 tonnellate di plastica e 122 tonnellate di anidride carbonica emesse in meno nell’ambiente.

 

I CITTADINI APPREZZANO – L’erogazione media giornaliera di acqua ad alta qualità ai tre fontanelli lucchesi è stata di oltre 5mila litri. Gli impianti, insomma, hanno riscosso grande apprezzamento da parte dell’opinione pubblica, contribuendo a sensibilizzare sul corretto uso della risorsa idrica. Così, insieme al rifacimento e alla riqualificazione di vari fontanelli in esercizio, nel corso dei prossimi due anni Acque prevede la realizzazione di nuovi impianti, di cui tre nella provincia di Lucca: uno ad Altopascio (in corso di realizzazione), uno a Villa Basilica, uno a Lunata nel Comune di Capannori (il secondo, dopo quello già attivo a Marlia).

 

IL PROGETTO – Il progetto Acqua ad Alta Qualità, condotto da Acque SpA in coordinamento con l’Autorità Idrica Toscana e i comuni del territorio, prevede la realizzazione di punti di approvvigionamento gratuito di acqua ad alta qualità. L’acqua erogata è quella normalmente distribuita dall’acquedotto, resa però “immediatamente gradevole” grazie a un impianto che elimina il cloro e che, in sostituzione, potabilizza l’acqua con raggi ultra violetti assicurando al contempo bontà e sicurezza assoluta. Gli impianti sono interamente progettati, realizzati e posti in opera dalle maestranze del Gruppo Acque.

 

L’ACQUA DI RUBINETTO – Al pari di quella del fontanello, anche il consumo dell’acqua di rubinetto è a tutti gli effetti una buona pratica, perché è una risorsa a disposizione di tutti, pubblica e a chilometri zero dato che viene dal territorio in cui viviamo. È buona, controllata e garantita dai oltre 15mila campionamenti annui e dalle analisi effettuate direttamente dal gestore e dagli organismi di controllo. Per quanto riguarda il sapore, come ormai noto, basta lasciare l’acqua a riposare in una caraffa per qualche decina di minuti, affinché il “gusto” di cloro scompaia quasi del tutto.

 

FONTANELLI ONLINE – Su acque.net è disponibile la mappa interattiva dei fontanelli. Sul sito si trovano anche tutte le notizie sul progetto Acqua ad Alta Qualità, mentre nella sezione “Acqua di casa tua” ci sono le analisi chimico-fisiche dell’acqua erogata in ciascun impianto e, punto per punto, sull’intera rete acquedottistica.

Fonte: Lo Schermo

Advertising