[ALTOPASCIO] Sulla Piana vegliano decine di telecamere

da
Advertising

CAPANNORI. Più agenti, ma anche più telecamere contro furti, vandalismi e abbandoni dei rifiuti. Quanti sono gli occhi elettronici nella Piana?

Capannori è la cittadina più grande (46mila abitanti), ma è quella che, al momento, ha il minore numero di telecamere. A oggi sono 8 in funzione, capaci di produrre immagini ad alta definizione monitorate dagli agenti della polizia municipale. Tre di queste sono installate sul municipio, in modo da coprire piazza Moro su tutti i quattro lati. Le altre cinque, invece, sono nell’area della piscina comunale, spesso teatro di furti. Attive 24 ore su 24, resistenti alla pioggia e alle basse temperature, permettono di distinguere con chiarezza volti o targhe, anche a distanze elevate e di notte. Altre sei telecamere, annuncia il Comune, e breve saranno posizionate nel parco pubblico. A queste bisogna aggiungere quelle presente sulla via Romana sul confine con Lucca per leggere le targhe e sul viale Europa a Marlia, per “beccare” chi passa col rosso al semaforo. Capannori si è anche dotata di telecamere mobili per cogliere sul fatto chi abbandona i rifiuti.

Altopascio invece è il paese più videosorvegliato, con 54 telecamere disseminate in prevalenza in centro: una ogni 357 abitanti. Si tratta però di telecamere di vecchia generazione e ormai superate. «Entro l’autunno saranno sostituite con altre di nuova concezione e collegate alle forze dell’ordine», fanno sapere in Comune. Saranno collocate a Spianate (in via Mazzei all’intersezione con via della Repubblica e in via Ponte ai Pini all’intersezione con via della Capanna), a Marginone (tra via di Montecarlo e via di Poggio e tra via Torino e via di Poggio Baldino) e ad Altopascio (travia di San Giuseppe e via dei Paoletti, in via del Fossetto, tra via del Valico e via San Francesco, in piazza del Porto, tra via Torino e via Romea, nel parco della Libertà e tra via Roma e via del Valico). A queste si affiancano le sei telecamere “leggi targa” che già controllano i mezzi che entrano ed escono nel territorio altopascese con una copertura del 95%. Le sei postazioni “watch dog” possono accedere ai dati e visualizzare tutti i passaggi, orari e spostamenti con tanto di immagini e video, permettendo anche di risalire con maggiore facilità agli autori di reati (a Capannori invece si utilizzano il targa system in dotazione alla polizia municipale).

Spostandosi a Porcari invece sono in funzione 16 telecamere per controllare gli ingressi al paese e le zone più a rischio e, all’occorrenza, riprendere fatti criminosi e chi abbandona i rifiuti. Numeri alla mano una ogni 500 abitanti. Le postazioni sono in Cavanis, in via Romana Est, in via della Stazione e, a Rughi, in via Pratina. Alcune telecamere sono presenti anche a Montecarlo, installate nel 2007 dopo una serie di furti e vandalismi. Gli occhi

elettronici presidiano piazza D’Armi e via Nuova, nonché le uscite dal borgo antico fuori Porta Nuova e Porta Fiorentina. In programma anche l’arrivo di telecamere in grado di leggere le targhe scovando auto senza revisione o con l’assicurazione scaduta.

Nicola Nucci

Fonte: Il Tirreno

Advertising