Capannori Successo per la Festa degli Orti di Lucca e Capannori all’Orto Botanico alla presenza del fondatore e presidente di Slow Food Ca

da
Advertising

Capannori –

Il sindaco Luca Menesini interviene alla festa degli orti

Una mattinata di grande partecipazione quella dedicata alla Festa degli Orti di Lucca e Capannori (sabato 5 maggio) all’Orto botanico di Lucca che ha visto la partecipazione delle classi di numerose scuole dei due comuni con un grande percorso espositivo realizzato nei sotterranei del baluardo San Regolo e un convegno – aperto dagli interventi dei sindaci di Lucca e Capannori Alessandro Tambellini e Luca Menesini – in cui sono stati illustrati i risultati dei progetti realizzati intorno ai temi della biodiversità, della tradizione delle competenze e della antica e nuova socialità che caratterizza l’orto, fonte di cibo buono e sostenibile, luogo di scambio fra generazioni diverse. Ospite d’eccezione Carlo Petrini fondatore e presidente di SlowFood che ha ascoltato con grande attenzione tutti gli interventi e tirato le conclusioni della giornata.

 

Gli orti in condotta: sono un progetto di durata pluriennale di SlowFood riconosciuto dal Ministero dell’Istruzione e della Ricerca  che tende non solo a produrre un orto scolastico ma a favorire la nascita di una “comunità dell’apprendimento” formata da figure professionali dell’apprendimento (insegnanti, formatori di SlowFood) e da figure informali (i nonni, le famiglie i bambini stessi) che mettono insieme una comunità dove lo scambio di esperienze è fondamento di crescita delle persone coinvolte e della comunità più ampia in cui si inseriscono. La finalità del progetto è non solo coltivare l’orto, ma coltivarlo insieme a esperti teorici e pratici, far entrare competenze informali nei piani educativi, formare gli insegnanti affinché siano in grado negli anni successivi di proseguire l’esperienza autonomamente e inserire l’educazione alimentare nei programmi formativi scolastici, come materia di insegnamento. A Capannori Orti in condotta è attivo da alcuni anni e si è evoluto in due progetti sulla mensa scolastica e comunale, e in un orto sociale. A Lucca Orti in Condotta  è iniziato tre anni fa, inserito in un progetto più ampio dei “Centomila orti in Toscana” che mette in rete esperienze di orti sociali, orti scolastici, orti urbani, quindici scuole e l’Istituto Agrario “Brancoli Busdraghi”  Lucca è una delle sei  città toscane pilota scelte per la prima sperimentazione. Il passo successivo che verrà affrontato è quello della stesura di un Piano del cibo della Piana di Lucca per la definizione di sistemi locali di produzione, distribuzione, trasformazione che garantiscono la sostenibilità e l’ascesso per tutti, integrando sistemi di produzione anche di piccola scala con pratiche agricole rispettose del territorio, filiera corta per la distribuzione del cibo, pensando nell’ottica del consumo locale e non solo della produzione di un generico “prodotto tipico” per il mercato ma di cibo “buon pulito e giusto” per tutti i cittadini (siano essi residenti o di passaggio).

 

La festa degli orti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Luca Menesini e Carlo Petrini

Advertising
Tags:

Leave a Reply

Your email address will not be published.