PORCARI Riva degli Albogatti in festa con i bimbi delle scuole per l’iniziativa del Consorzio di bonifica

da
Advertising

LUCCA – In una mattinata di festa per le scuole, tornano a vivere i pioppi bianchi alla Fattoria urbana “Riva degli Albogatti”, a Nave, Lucca. Il Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord ha infatti avviato la ripiantumazione degli storici “populus alba”, che da tempi immemori accolgono i visitatori di questa importante struttura del Comune di Lucca, gestita dall’associazione “Percorso in fattoria”. I maestosi alberi erano stati abbattuti alcuni mesi fa, perché pericolanti: l’Ente consortile ha riavviato la piantumazione durante le giornate conclusive del progetto di educazione ambientale, destinate alle scuole medie del territorio, e inserite nella rassegna nazionale “Settimana della bonifica e irrigazione”.

 

Lunedì mattina hanno partecipato le scuole di San Vito, Porcari e Capannori. Assieme a loro, erano presenti il presidente del Consorzio Ismaele Ridolfi, il sindaco di Lucca Alessandro Tambellini e l’assessora comunale di Lucca alla scuola, Ilaria Vietina. Nei prossimi giorni, sempre alla Fattoria Urbana, arriveranno anche le scuole di Montecarlo, Ponte a Moriano, San Martino in Freddana, Borgo a Mozzano, Coreglia, Sant’Anna e San Marco.

 

«In questa occasione, i ragazzi hanno potuto vivere il Fiume Serchio, condividendo insieme l’esperienza maturata col nostro progetto di educazione ambientale, che si è articolata con lezioni in classe e uscite sul territorio – spiega il presidente del Consorzio, Ismaele Ridolfi -. La finalità che ci proponiamo con questo progetto è quella di far conoscere alle nuove generazioni i tanti e diversi territori che vanno a comporre oggi il nostro comprensorio, in modo che essi ci aiutino a proteggerlo. L’educazione è, a nostro avviso, la forma più importante di prevenzione: per questo, siamo convinti che l’educazione ambientale sia, a tutti gli effetti, una delle attività istituzionali del nostro Ente».

 

E’ stato proprio il sindaco Alessandro Tambellini, aiutato dal presidente Ridolfi, a provvedere, vanga in mano, a piantare l’albogatto. Il primo cittadino si è poi intrattenuto a lungo con gli studenti, dando vita a una piccola lezione su storia, flora e fauna del Fiume Serchio.

 

Gli alunni della scuola media di Capannori hanno poi potuto raccontare quanto imparato durante la loro uscita sul fiume Serchio; quelli di San Vito hanno riportato la storia del Pubblico Condotto lucchese, studiata in classe e poi conosciuta sia lungo i fossi della Città, sia all’ex jutificio “Balestrieri” a Ponte a Moriano; i ragazzi di Porcari hanno ricordato come e quando è stata costruita la Botte sotto l’Arno, a San Giovanni alla Vena, che è servita per prosciugare il lago di Bientina.

 

«In totale, hanno partecipato al progetto quasi mille alunni – ricorda il presidente Ridolfi – Tanti quelli delle scuole di Lucca, Piana e Valle del Serchio; altrettanti quelli di Versilia e provincia di Massa-Carrara».

Fonte: Lo Schermo

Advertising