Capannori Dal 31 maggio al 4 giugno a Capannori il festival “I cammini dell’uomo. La diversità come ricchezza”

da
Advertising

Capannori –

Ascanio Celestini

Lo psicologo psicoterapeuta Giorgio Nardone, l’attore teatrale Ascanio Celestini, l’ex ministro Vannino Chiti. Sono alcuni degli ospiti del festival “I cammini dell’uomo” promosso dal Comune di Capannori e dall’associazione “I ricostruttori” con il patrocinio del Festival dell’economia e spiritualità, in programma a Capannori da giovedì 31 maggio a lunedì 4 giugno. Cinque giorni di formazione e informazione al dialogo interculturale e interreligioso che prevedono conferenze, dibattiti e spettacoli dedicati al tema della “Diversità come ricchezza”.
 

“Il dialogo con tutte le componenti della nostra comunità, l’ascolto di chi all’apparenza ci sembra diverso perché ha un altro credo. Sono questi valori che vogliamo promuovere all’interno di una società interculturale – commenta l’assessore alle politiche per la comunità, Francesco Cecchetti -. Ciascun popolo porta infatti con sé valori che con la comunicazione, il confronto e la conoscenza sono in grado di arricchire le altre culture. Nei mesi scorsi abbiamo promosso degli incontri pubblici con alcune delle principali comunità religiose della Piana, per conoscerle meglio. Il percorso adesso continua con il festival ‘I cammini dell’uomo’ che sarà un vero e proprio approfondimento su queste tematiche con protagonisti esperti di livello nazionale”.
 

Il primo appuntamento de “I cammini dell’uomo” si svolgerà giovedì 31 maggio alle ore 21 in sala del consiglio comunale. Giorgio Nardone, psicologo psicoterapeuta, considerato la figura di maggiore spicco della tradizione della Scuola di Palo Alto, terrà la conferenza “L’arte del dialogo. Dal dialogo terapeutico le risorse per il dialogo fra religioni”. Introduce e modera Simone Tani, Fondazione per la ricerca e innovazione, Università di Firenze, Centro Terapia Strategica.
 

Venerdì 1° giugno alle ore 21 al teatro Arté Ascanio Celestini sarà protagonista dello spettacolo “La ballata dei senza tetto”. 
 

Sabato 2 giugno alle ore 21 al teatro Artè si svolgerà “L’amore è uno straniero”, narrazione teatrale tratta dal poeta mistico Jalal-ad-din Rumi di e con Elisabetta Mari in collaborazione con gli Armonici Ricostruttori.
 

Domenica 3 giugno dalle ore 17.30 alle ore 19.30, al polo culturale Artèmisia si terrà “Accoglienza. Le differenze come ricchezza e non come ostacolo”, una tavola rotonda con rappresentanti della tradizione Induista, buddhista, ebraica, cristiana e islamica. Interverranno Carla Tzultrim Freccero, monaca buddista tibetana e scrittrice, Jaya Murthy, induista brahmina, docente Università Adulti di Pisa, Bruno Segre, Centro di documentazione ebraica contemporanea, Guidalberto Bormolini, monaco e antropologo, docente al Master “Death Studies and the end of life” dell’Università di Padova, Abdallah Massimo Cozzolino, direttore della moschea di Napoli e presidente dell’associazione culturale islamica “Zayd ibn thabit”.
 

Lunedì 4 giugno dalle 9.30 alle 18 ad Artémisia si terrà una giornata di formazione suddivisa in due parte. Alla prima, “Mondo civile e mondo religioso” in collaborazione con la Scuola Fiorentina di Alta formazione per il Dialogo interreligioso e interculturale, interverranno Vannino Chiti, già Ministro per le riforme istituzionali e i rapporti con il Parlamento e Presidente della Regione Toscana, Mario Lancisi – Ordine dei Giornalisti della Toscana, Guidalberto Bormolini – Monaco e antropologo, docente al Master “End Life” dell’Università di Padova e Barbara Carrai – Direttore 4change e formatrice presso le Nazioni Unite.
 

Alla seconda parte, dal titolo “Conoscersi per comprendersi”, interverranno rappresentanti dell’ebraismo, cristianesimo e islam e Annagiulia Ghinassi – Psicologa e psicoterapeuta.
 

Tutti gli eventi sono gratuiti. Per partecipare alla giornata formativa è gradita la pre-iscrizione per email. Per informazioni: I Ricostruttori 0583436424/3398996999 lucca@iricostruttori.org www.iricostruttori.org

Advertising
Tags: