PORCARI Trattativa Snaitech: Fiom si alza sul Ccnl, ma i problemi restano e l’accordo aziendale intanto non viene riconosciuto

da
Advertising

ROMA – «Nell’incontro svoltosi oggi a Roma la Snaitech ha ufficializzato di voler applicare a tutti i lavoratori il contratto del terziario, cercando così di mettere fuori dalla discussione il sindacato più rappresentativo, la Fiom». A dirlo è Massimo Braccini, coordinatore nazionale Fiom Cgil gruppo Snaitech.

 

«Avevamo presentato una piattaforma unitaria – dice Braccini – con tutte le organizzazioni sindacali per rinnovare il contratto aziendale per tutte le sedi nazionali, ma comunicandoci formalmente di voler passare poi all’applicazione del contratto nazionale del terziario, è evidente la volontà aziendale antisindacale. Non a caso avevamo avviato una raccolta di firme tra i lavoratori dove più della metà dei dipendenti ha richiesto che gli sia applicato il contratto dei metalmeccanici. L’idea dell’azienda è probabilmente quella di un ritorno alle relazioni indietro nel tempo, improntato ad un livello “artigianale” e che non ha niente a che vedere con un gruppo che afferma di rilanciare e investire».

 

«Avvieremo azioni legali e sindacali e chiederemo uno specifico incontro al Ministero dello Sviluppo Economico per verificare anche il passaggio societario – conclude Braccini -, visto che la Snaitech rischia di spostare il baricentro dell’azienda all’estero. Infatti, non vi è nessun piano industriale né chiarezza sulle missioni produttive delle varie sedi in Italia, né vi sono garanzie occupazionali future. Al neo Ministro chiederemo anche di aprire una seria discussione sul futuro del gioco in Italia, visto che lo Stato trae da questo settore importanti entrate ed ha anche poteri di intervento diretto in quanto le attività sono legate al rilascio di concessioni pubbliche, e di monitorare attentamente gli sviluppi di questa importante impresa. Per domani sono previste le assemblee con i lavoratori e decideremo nel dettaglio ulteriori iniziative».

 

Anche la Uil interviene sull’incontro, al quale erano presenti Bindocci, Sgrò , Saisi e le RSA uiltucs del centro servizi Lazzareschi e Giorgetti ha subito una battuta di arresto per la contrarietà di Fiom a passare dal CCNL metalmeccanico al CCNL del Commercio per circa metà del personale, metà ha già il CCNL del Terziario.

 

«La Fiom – dice la nota congiunta – dopo aver espresso la sua contrarietà si è alzata dal tavolo, mentre l’azienda ha ribadito che andrà avanti. Anche la Uilm che rappresenta i metalmeccanici era contraria a questa ipotesi, ma non ha ritenuto opportuno abbandonare il tavolo».

E proseguono: «La trattativa per il rinnovo del Contratto Aziendale svoltasi a Roma oggi, per la Uil erano presenti Bindocci, Sgrò , Saisi e le RSA uiltucs del centro servizi Lazzareschi e Giorgetti ha subito una battuta di arresto per la contrarietà di Fiom a passare dal CCNL metalmeccanico al CCNL del Commercio per circa metà del personale, metà ha già il CCNL del Terziario. La Fiom dopo aver espresso la sua contrarietà si è alzata dal tavolo, mentre l’azienda ha ribadito che andrà avanti. La Uilm pur essendo contraria dal cambio di contratto ha ritenuto opportuno restare al tavolo per tutelare al meglio il personale».

 

Nella questione del CCNL «è fondamentale – prosegue la nota – salvaguardare i diritti acquisiti, nessuno deve fare passi indietro, noi preferiamo comunque che le cose ed i cambiamenti siano condivisi e che si tenga conto della volontà delle persone, ma secondo noi il tema centrale è altro. Il vero accordo molto sofferto è quello con cui sono stati gestiti gli esuberi, sopratutto quelli che hanno dovuto scegliere tra esodo e trasferimento».

 

«Come Uil – dice la nota – riteniamo che si debbano monitorare le prospettive di un gruppo che dopo la fusione con Cogetech adesso ha visto cambiare il pacchetto che ne detiene le azioni. Vanno capite le strategie aziendali di medio e lungo periodo, e come sindacato dobbiamo garantire la permanenza in Italia della testa dell’azienda e dei servizi, garantire il mantenimento della sede di Porcari, anche perché un taglio pesante è già stato fatto e con grossi sacrifici del personale».

 

«Garantire il posto del lavoro al personale – conclude – e migliorare le condizioni economiche sono i nostri obiettivi primari, un pezzo di questi obiettivi è il rinnovo dell’integrativo che ridistribuisca risorse e diritti ai lavoratori e che non deve essere sacrificato inutilmente. Nei prossimi giorni insieme faremo assemblee nei luoghi di lavoro. Il gaming rischia altrimenti di diventare una macchina da soldi per pochi, che abbattendo i livelli occupazioni non ridistribuisce reddito, perché riduce il personale ai minimi termini».

 

Fonte: Lo Schermo

Advertising