[NEWS] Il volo di Vincenzo Lunardi al gran ballo napoleonico in villa.

da
Advertising

Grande serata di eleganza, cultura e splendori d’alta corte quella che si è svolta pochi giorni fa a Villa Rossi, grazie  all’impeccabile organizzazione di un “Gran Ballo” napoleonico svoltosi a cura di Margarita Martinez.IMG_20180826_141350

< ?php echo adrotate_group(11); ??>

Belli i costumi, armoniosa la musica, squisito il cibo, interessante l’Opera e le coreografie delle figure danzanti proposte, in un incontro internazionale ricco di dame ed ufficiali napoleonici elegantissimi.
Ad integrare un già rappresentato contesto, pregno di spunti ed atmosfere d’altri tempi, la proposizione di un suggestivo volo serale in mongolfiera svolto in onore dell’aeronauta Vincenzo Lunardi, grazie alla collaborazione dell’A.C. Balloon Club  e del pilota Marco Marin.

Un tributo all’eroe dell’aria lucchese che, nell’era dei lumi, era conosciuto un po’ in tutto il mondo anglofono, ispanico e  ben accreditato presso le Corti di tutta Europa, essendo stato il primo viaggiatore aereo in terra inglese che,  con un pallone ad idrogeno, il 15 settembre del 1784, stabilì  record d’altezza ragguardevoli.

L’idea vincente è nata a Margarita Martinez  che, proprio giorni fa sui social, commentava:

“A book arrived for me yesterday and I can’t wait to read it. The great Vincenzo Lunardi’s own description of his hot-air balloon trips over Scotland in 1785. Born in Lucca and the inspiration for me including Hot-Air Balloon rides at the Grand Ball in Villa Rossi. A great showman and an intrepid aviator !

Presente all’incontro Massimo Raffanti, giornalista e scrittore lucchese fondatore del Balloon Club e,  sin dal lontano 1984 (ideatore della Festa dell’Aria di Capannori)  instancabile divulgatore della figura  lunardiana, autore del libro “Volare in Mongolfiera” e di un apprezzato cortometraggio sulla vita “sull’uomo che parlava al cielo”, patrocinato dal Rotary Club Montecarlo Piana di Lucc

Advertising

Leave a Reply

Your email address will not be published.