[NEWS] IL COMUNE RIPORTA A CASA 29 CADUTI MONTECARLESI SCONOSCIUTI DELLA GRANDE GUERRA

da
Advertising

 

IL COMUNE RIPORTA A CASA 29 CADUTI MONTECARLESI SCONOSCIUTI DELLA GRANDE GUERRA

Il più giovane, il soldato Galileo Giusti, aveva 19 anni mentre il più anziano, il soldato Giovanni Paganelli, ne aveva 44. Sono due dei trentadue soldati montecarlesi, dei quali tre caduti nelle guerre coloniali italiane di fine ottocento e primo novecento e ventinove durante il primo conflitto mondiale, di cui non si aveva alcuna conoscenza.

A recuperali alla memoria della comunità montecarlese ha pensato l’amministrazione comunale che nel 2015, in occasione del centenario dell’intervento dell’Italia nella Grande Guerra, ha promosso uno studio e ricerca storica sul periodo, in collaborazione con l’Istituto Storico Lucchese e l’associazione Lucchesi nel Mondo. 

Tre anni di intenso e proficuo lavoro di archivio i cui risultati sono stati raccolti in un volume dal titolo “Montecarlo e la Grande Guerra” che sarà presentato e reso disponibile al pubblico il prossimo 4 novembre, in occasione delle celebrazioni per il centenario della fine della prima guerra mondiale. Il volume, oltre a ricordare ed omaggiare la memoria dei combattenti montecarlesi, tra reduci e caduti, anche grazie al contributo delle famiglie e dei parenti, offre un interessante spaccato della società italiana e della comunità montecarlese nel primo scorcio del novecento, costituendo di fatto la prima analisi storica sulla Montecarlo contemporanea.

A perpetrare alla memoria della comunità i nomi dei nuovi caduti emersi dalle ricerche, sempre in occasione delle celebrazioni del 4 novembre prossimo, l’amministrazione comunale provvederà a collocare una nuova lapide in prosecuzione delle esistenti collocate da decenni in piazza Carrara sulla facciata della Fondazione Pellegrini Carmignani, il cui amaro conteggio porta alla cifra di 88 il numero dei montecarlesi caduti al fronte o morti per i postumi delle ferite su 734 uomini chiamati al fronte.

Il programma di domenica 4 novembre prenderà il via alle 15:30 proprio con la scopertura della nuova lapide ai caduti, cui seguirà alle 16:30 presso il Teatro dei Rassicurati la presentazione del volume “Montecarlo e la Grande Guerra” corredato da uno spettacolo teatrale sul tema interpretato dall’attore Roberto Bencivenga.

“Riportiamo a casa 29 nostri concittadini – dichiara il Sindaco Vittorio Fantozzi assieme all’assessore alla cultura Marzia Bassini – consegnando il ricordo delle loro vite spezzate alla memoria ed all’affetto della nostra comunità”.

Per info

Share
Advertising

Leave a Reply

Your email address will not be published.