PORCARI Si potenzia l’ufficio informazioni turistiche della Stazione che diventa punto di accoglienza dell’intero Ambito turistico della Piana di Lucca

da
Advertising

LUCCA – Si rafforza il punto informazioni turistiche della Stazione di cui l’amministrazione comunale riprende la gestione diretta diventa infopoint dell’Ambito turistico della Piana di Lucca.

A partire da venerdì prossimo, infatti, approderanno nell’ufficio di piazza Curtatone due dipendenti del Comune di Lucca che finora hanno lavorato nella sede di Viareggio. Il trasferimento è diretta conseguenza proprio della creazione del nuovo Ambito, che ha recentemente ottenuto un finanziamento di 85.000 euro da parte della Regione Toscana per il progetto di start-up.

 

La notizia è stata data agli operatori del settore che sono intervenuti ieri pomeriggio (1 ottobre) alla casermetta del baluardo San Paolino alla prima riunione della consulta dell’Osservatorio turistico di destinazione di ambito. Il punto informazioni turistiche della Stazione sarà gestito dalle due dipendenti del Comune di Lucca insieme ai giovani studenti dell’istituto tecnico per il turismo “Pertini” in alternanza scuola-lavoro, sarà ampliato l’orario di apertura, con l’aggiunta di due pomeriggi ed estensione della fascia oraria del mattino. In questi giorni sono in corso alcuni interventi che miglioreranno anche la logistica dell’ufficio di piazza Curtatone: l’entrata verrà spostata sul lato che guarda la stazione ferroviaria e saranno distribuiti in modo diverso gli ambienti interni. Seguiranno poi i lavori per rendere completamente accessibile l’infopoint.

 

Si tratta di un primo, fondamentale tassello, nella costruzione di una strategia comune di ambito – spiega l’assessore al turismo Stefano Ragghianti –. Il punto informativo della Stazione, di cui l’amministrazione riprende la gestione diretta lasciando adeguato spazio alla proficua collaborazione con l’istituto Pertini, diventerà un approdo per i turisti che potranno ricevere qui informazioni e accoglienza non solo della città, ma di tutto il territorio della Piana. Il passo successivo – aggiunge Ragghianti –, al quale stiamo già lavorando, è quello di uniformare l’accoglienza turistica di tutti gli infopoint dell’Ambito: oltre a quello gestito da Metro di piazzale Verdi, quelli dei Comuni di Capannori, Montecarlo, Altopascio e Villa Basilica”.

 

La prima riunione della consulta di ieri è dunque servita per fare il punto sullo stato dell’arte del turismo in Toscana e sul nuovo organismo di gestione e programmazione turistica dei Comuni di Lucca, Capannori, Porcari, Montecarlo, Altopascio e Villa Basilica. Dopo i saluti istituzionali del sindaco Alessandro Tambellini e degli assessori dei Comuni dell’Ambito, Stefano Romagnoli della Regione Toscana ha presentato il rapporto Irpet sul turismo in Toscana nel 2018, l’analisi strutturale dei dati 2008/2018 e quella congiunturale 2018/2017. Federico Campatelli di Anci Toscana ha illustrato il rapporto sul sistema di informazione e accoglienza turistica regionale. A seguire, l’assessore Stefano Ragghianti ha illustrato le attività, i compiti e il progetto di start-up dell’Ambito turistico della Piana di Lucca e la funzionaria Laura Goracci del Comune di Lucca ha approfondito i temi delle linee guida, degli obiettivi e degli organi di gestione dell’OTD di Ambito. Al termine degli interventi si è aperto il confronto con gli operatori del settore presenti. Ha moderato il dibattito il dirigente del settore turismo del Comune di Lucca Giovanni Marchi.

 

Il saluto del sindaco Tambellini alla consulta dell’OTD.

Nel suo intervento di apertura dei lavori della consulta del turismo di Ambito della Piana di Lucca, il sindaco del Comune di Lucca, Alessandro Tambellini, ha sottolineato la necessità di questo percorso che “porterà vantaggi – ha detto – a tutto il territorio dell’Ambito nel suo complesso”.

La città di Lucca – ha spiegato il sindaco – si trova a dovere gestire flussi turistici sempre più consistenti: la sfida è quella, di cui parleremo nei prossimi giorni anche al Lubec, di mantenere alta l’offerta delle città storiche, senza snaturarne il tessuto vivo della comunità. La Piana di Lucca ha necessità di mettere a sistema il proprio grande patrimonio in termini artistici, paesaggistici ed enogastronomici. Su queste basi il lavoro che dobbiamo fare è complesso quanto necessario, se vogliamo che il nostro territorio, messo a sistema, sia sempre di più mèta di un turismo di qualità, che deve poter avere a disposizione servizi adeguati e che deve potersi sentire abbracciato, nel proprio soggiorno, dalle eccellenze e dalle peculiarità che distinguono il nostro Ambito”.

Fonte: Lo Schermo

Advertising