PORCARI Elezioni provinciali 2019: domenica 15 si vota per il rinnovo del Presidente della Provincia

da
Advertising

LUCCA – Sono 477 gli amministratori del territorio provinciale – tra sindaci e consiglieri comunali – chiamati a votare domenica prossima, 15 dicembre, per il rinnovo della carica di Presidente della Provincia di Lucca e per la composizione del nuovo Consiglio Provinciale. 

Come previsto dalla Riforma “Delrio”, le elezioni provinciali sono di secondo livello, ovvero hanno diritto di voto i Sindaci e i Consiglieri dei Comuni del territorio provinciale così com’è accaduto nel settembre 2015 quando fu eletto il presidente attuale Luca Menesini e, nel dicembre 2017, quando fu rinnovato il Consiglio provinciale che, in virtù della stessa legge, rimane in carica 2 anni invece dei 4 del presidente. 

 

 

I candidati all’elezione alla carica di presidente della Provincia sono, in ordine di lista, due: Alberto Stefano Giovannetti e Luca Menesini.

Le liste presentate e ammesse dall’ufficio elettorale provinciale alla carica di Consigliere provinciale sono sempre 2:

Alternativa Civica Centrodestra – candidati: Ilaria Benigni, Yamila Bertieri, Serena Borselli, Melania Ferrari, Riccardo Giannoni, Matteo Marcucci, Mirco Masini, Matteo Petrini, Matteo Scannerini.

Provincia Civica e Democratica con Menesini – candidati: Patrizio Andreuccetti, Valeria Bertei, Andrea Bonfanti, Andrea Carrari, Zelmiro Corti, Sara D’Ambrosio, Leonardo Dinelli, Catia Intaschi, Maria Teresa Leone, Iacopo Menchetti, Roberta Menchetti, Maurizio Verona.

A differenza delle tornate elettorali precedenti in cui si votava solo a Palazzo Ducale, stavolta per favorire l’affluenza alle urne sono stati previsti tre seggi (orario di voto dalle 8.00 alle 20.00). Il seggio di Palazzo Ducale (Sala Mario Tobino – sede centrale) a Lucca dove voteranno i rappresentanti dei Comuni di Altopascio, Bagni di Lucca, Borgo a Mozzano, Capannori, Coreglia Antelminelli, Lucca, Montecarlo, Pescaglia, Porcari, Villa Basilica. La sottosezione di Castelnuovo di Garfagnana – Sede UC Garfagnana (via Vittorio Emanuele 9), dove voteranno i rappresentanti dei Comuni di Barga, Camporgiano, Careggine, Castelnuovo di Garfagnana, Castiglione di Garfagnana, Fabbriche di Vergemoli, Fosciandora, Gallicano, Minucciano, Molazzana, Piazza al Serchio, Pieve Fosciana, San Romano in Garfagnana, Sillano Giuncugnano, Vagli di Sotto, Villa Collemandina. Infine la sottosezione di Viareggio – Villa Argentina (Via Fratti angolo Via Vespucci 44) dove voteranno i rappresentanti dei Comuni di Camaiore, Forte dei Marmi, Massarosa, Pietrasanta, Seravezza, Stazzema e Viareggio.

 

 

Ad ogni elettore – sindaco o consigliere comunale – sarà consegnata una scheda che sarà di colore diverso a seconda della fascia demografica a cui appartiene il Comune del votante: 

fascia A: colore azzurro – Comuni con popolazione fino a 3mila abitanti;

fascia B: colore arancio – Comuni con popolazione superiore a 3mila e fino a 5mila abitanti;

fascia C: colore grigio – Comuni con popolazione superiore a 5mila e fino a 10mila abitanti;

fascia D: colore rosso – Comuni con popolazione superiore a 10mila e fino a 30mila abitanti; fascia E: colore verde – Comuni con popolazione superiore a 30mila e fino a 100mila abitanti.

Ricordiamo che le elezioni di secondo livello introdotte dalla Legge Delrio prevedono l’applicazione degli indici di ponderazione dei voti per l’elezione dei nuovi organi amministrativi provinciali. Indici che fanno riferimento alle fasce demografiche di appartenenza dei Comuni.

In sostanza è assegnato un “peso” più consistente a seconda del numero dei residenti del comune di appartenenza dell’avente diritto al voto. 

Al termine delle operazioni di spoglio sarà eletto un presidente e un Consiglio provinciale formato da 12 membri, poiché il territorio conta più di 300mila abitanti ma meno di 700mila.

Per ulteriori informazioni su atti o aggiornamenti si può consultare la home page del sito istituzionale della Provincia ( www.provincia.lucca.it ) alla sezione “Speciale elezioni trasparenti Presidente e Consiglio provinciale 2019”.

Fonte: Lo Schermo

Advertising
Advertisements