Sottopasso di Altopascio: riprende la campagna di ascolto con i cittadini sulla nuova ipotesi progettuale

da
Advertising

SOTTOPASSO DI ALTOPASCIO: RIPRENDE LA CAMPAGNA DI ASCOLTO CON I CITTADINI SULLA NUOVA IPOTESI PROGETTUALE

Altopascio, 20 giugno 2020 – Sottopasso di Altopascio, dopo lo stop dovuto al Covid-19 riprende il percorso di incontri e confronti con la cittadinanza. A organizzarlo è la giunta D’Ambrosio, in particolare il sindaco e l’assessore ai lavori, Daniel Toci: chiunque sia interessato a conoscere la nuova ipotesi progettuale di sottopasso, che Ferrovie ha presentato all’amministrazione comunale e alla Regione Toscana, ad approfondire il tracciato e a portare il proprio contributo può prendere appuntamento all’Urp di piazza Vittorio Emanuele (chiamando il numero 0583.216455) per il sabato mattina.

“A marzo avevamo iniziato il percorso di incontri con i residenti della zona, i comitati di via Francesca Romea e via Torino, i capigruppo dell’opposizione – commentano il sindaco, Sara D’Ambrosio e l’assessore ai lavori pubblici, Daniel Toci -. Purtroppo il Covid-19 e le misure restrittive necessarie ci hanno impedito di proseguire. Ora quindi riprendiamo il percorso: abbiamo intenzione di programmare anche un’assemblea pubblica, ovviamente nel rispetto di tutte le misure precauzionali previste. Nel frattempo, riattiviamo gli incontri con la cittadinanza attraverso appuntamenti mirati, a piccoli gruppi, con ingressi contingentati. I cittadini possono contattare a partire da lunedì l’Urp e fissare gli appuntamenti. L’iter dovrà andare avanti con l’aggiornamento dell’avvio della fase espropriativa da parte di Ferrovie: in questo momento specifico si aprirà la fase partecipativa vera e propria, dove sia noi come Comune sia i cittadini potranno presentare osservazioni e contributi. La nostra idea è arrivare preparati a questo momento: insieme a Ferrovie pianificheremo nel dettaglio la fase di coinvolgimento diretto della popolazione, che dovrà concretizzarsi con la raccolta delle osservazioni e dei suggerimenti da inoltrare proprio ai progettisti con l’obiettivo di avere la migliore opera possibile sul territorio. Da una parte, quindi, l’amministrazione comunale apre da subito una fase di informazione diretta con la cittadinanza; dall’altra il Comune accoglie le osservazioni dei cittadini, che, insieme a quelle formulate direttamente dall’amministrazione comunale, dall’amministrazione provinciale e dagli altri enti, saranno inoltrate a Ferrovie affinché il progetto tenga conto di questi contributi”.

LA NUOVA IPOTESI PROGETTUALE. Si libera la via Francesca Romea dal traffico pesante e si superano le criticità della via Torino. E nasce una nuova viabilità che da Gossi – all’altezza del confine comunale con Montecarlo in corrispondenza di Corte Gossi – si ricongiunge all’esistente via di San Giuseppe per poi proseguire fuori dal centro abitato, lungo un nuovo tracciato che porterà all’ingresso del sottopasso, all’altezza di via Torino. Il sottopasso resta lì dov’era previsto fino a oggi. Quello che cambia è la viabilità di accesso al sottopasso, che non passerà più dalla via Francesca Romea e da via Torino, ma dal nuovo tracciato a cui si accede da via San Giuseppe. La nuova strada sarà adeguata a sostenere il passaggio del traffico, pesante e veicolare. Per garantire minore impatto della nuova viabilità sul paesaggio, sul rumore, sul contesto abitato, sull’ambiente, la strada non sarà a raso, ma sotto il piano di campagna per gran parte del tracciato. Sono queste le novità più importanti contenute nella nuova ipotesi progettuale di sottopasso avanzata da Ferrovie e condivisa con Comune, Provincia di Lucca e Regione Toscana. Per superare alcune diverse interpretazioni normative che il Consiglio superiore dei lavori pubblici ha fatto presente a Ferrovie e che attualmente impediscono al progetto di ottenere il parere positivo, fondamentale per poter procedere con il successivo iter autorizzativo e, quindi, con la gara d’appalto per l’inizio lavori, i progettisti di Rfi hanno riformulato il progetto di sottopasso. La nuova soluzione proposta, che convince l’amministrazione comunale, non avrebbe bisogno di nessuna deroga da parte del Consiglio superiore dei lavori pubblici, in quanto è conforme in tutto e per tutto alla nuova disciplina sulle infrastrutture: questo dovrebbe favorire il parere favorevole da parte del Consiglio superiore e quindi dare la possibilità a Ferrovie di procedere in modo spedito verso la realizzazione dell’opera tanto attesa.

Advertising
Advertisements

Leave a Reply

Your email address will not be published.