Nonni vigile in azione davanti alle scuole di Altopascio. Il servizio sarà ulteriormente potenziato

da
Advertising

NONNI VIGILE IN AZIONE DAVANTI ALLE SCUOLE DI ALTOPASCIO.

IL SERVIZIO SARÀ ULTERIORMENTE POTENZIATO

Il progetto riparte anche quest’anno grazie all’accordo tra Comune di Altopascio e Auser

Altopascio, 26 settembre 2020 – Indossano le classiche pettorine catarifrangenti per essere ben riconoscibili, stanno davanti alle scuole e si occupano di far entrare e uscire in sicurezza i bambini e i ragazzi altopascesi, garantendo un presidio sul territorio in stretta collaborazione con l’amministrazione comunale. Sono i “nonni vigile”, volontari dell’Auser che, anche quest’anno, prestano servizio nelle scuole di Altopascio, elementari e medie. Ma c’è di più: per rispondere ancora meglio alle esigenze di sicurezza dovute anche alla gestione dei protocolli anti-Covid, l’amministrazione D’Ambrosio ha come obiettivo quello di potenziare ulteriormente il progetto, sulle scuole che hanno più bisogno, la primaria di Badia Pozzeveri e la media di Altopascio.

“Per ogni plesso – spiegano il sindaco, Sara D’Ambrosio e l’assessore alla scuola, Ilaria Sorini – c’è una persona all’entrata e all’uscita. Vogliamo potenziare ulteriormente il servizio di sorveglianza nelle scuole che hanno più bisogno, perché l’area di sosta degli studenti corrisponde con la sede stradale (a Badia in via IV novembre e via Catalani e alla media di Altopascio con via Marconi).. Dal 2017 il progetto dei “nonni vigile” ha coinvolto tanti volontari, che sono diventati un punto di riferimento per le scuole, per i ragazzi e per i genitori stessi. Ringraziamo l’Auser Altopascio per essere sempre presente quando si tratta di coniugare il benessere e la crescita del territorio con lo spirito di solidarietà e di comunità che contraddistingue l’associazione e anche la nostra amministrazione”.

Sono loro, i nonni vigile ad accompagnare ogni giorno i bambini e i ragazzi per l’ingresso a scuola e ad aspettarli all’uscita; sempre loro, inoltre, a garantire attraversamenti pedonali in sicurezza e a controllare che la sosta davanti agli edifici in attesa del suono della campanella avvenga nel massimo rispetto dei protocolli anti-Covid, evitando cioè assembramenti.

Advertising
Advertisements

Leave a Reply

Your email address will not be published.