Ora alla NBA Altopascio manca il palasport, per la C nazionale emigrazione in vista

da
Advertising

Un cruccio nonostante una grande impresa che attribuisce lustro allo sport altopascese. Adesso manca solo il palasport. Sì, perché la Nuova Basket Altopascio, sponsorizzata Bama, vola in C nazionale ma dovrà trovare una soluzione per giocare le partite in casa nella stagione 2010-2011. Entro breve tempo partiranno i lavori per il rifacimento degli spogliatoi e la sistemazione del tetto della vecchia e angusta palestra di via Marconi che dovrà essere adattata al nuovo tiro da tre punti e all’area rettangolare. “Dovremo anche mettere adeguate protezioni ai muri – spiega il presidente della NBA Sergio Guidi, – troppo vicini al campo da gioco. Con questi accorgimenti la C regionale si poteva fare, entro il 31 maggio dovevano comunicarci se assegnarci la deroga anche per il torneo nazionale, ora diventato realtà. In caso di diniego dovremo emigrare, probabilmente a Ponte Buggianese, in Valdinievole, ad una decina di chilometri da Altopascio. In questo momento scarterei Capannori – prosegue Guidi, – per evitare sovrapposizioni con la Nottolini volley. Il nuovo impianto? Dovrebbe sorgere in località Riatri a Spianate, a breve distanza dal casello autostradale. Ma servirà tempo”. Eppure sono circa tre decenni che ad Altopascio si parla della questione. Il comune di Altopascio, attraverso il suo sindaco Maurizio Marchetti, si è congratula con gli “eroi” del Palafermi di Pistoia, vincenti dopo una strepitosa rimonta, però il problema per la prossima stagione sportiva rimane. In alcune realtà, anche più piccole di Altopascio, si è risolto con tendoni e “palloni” all’interno dei quali disputare basket, pallavolo, tennis ed altre discipline.

Advertising