Come ha lavorato l’attuale amministrazione comunale di Altopascio?

da
Advertising

Fra meno di dodici mesi elezioni ad Altopascio. Come ha lavorato questa amministrazione? Difficile rispondere. Si giudica il complesso oppure i singoli assessorati? Perché nel secondo caso vi sono dei “Non pervenuti” clamorosi. Assessori che in quattro anni non hanno prodotto NULLA. Salvo ritirare a fine mese un bel migliaio di euro di rimborso. Senza dannarsi troppo l’anima. Nei primi mesi del 2011 faremo come nel 2006, daremo i nostri personalissimi voti a sindaco e …ministri. Nostre valutazioni, ovviamente senza nessuna pretesa, condivisibili o meno dagli stessi politici (è molto probabile questa seconda opzione). Senza farci influenzare da simpatie o antipatie. Ad esempio capisco e giustifico l’Orlandi che è stato sfortunato, in quanto ha avuto una delega francamente difficilissima come l’innovazione tecnologica: ma che si doveva inventare il buon Fabio? Forse avrebbe dovuto scoprire il bosone di Higgs ? Il cinema sarà pronto? la piscina in alto mare? Il Basket Altopascio, fresco di promozione in C1, dovrà forse emigrare perché la palestrina di via Marconi non è in regola e il nuovo palazzetto viene promesso da 40 anni?  Le ronde  garantite nel giugno 2009 sono un miraggio? La tenenza dei carabinieri sarà pronta tra 10 anni? Tutto vero, però in questo lustro si è pure riusciti a decorare il muro di cinta dello stadio a Spianate, opera indispensabile e attesa da decenni. Suvvia, non è tutto da buttare. Il sociale, ad esempio, è un settore che funziona alla grande. Alla Misericordia e tra i commercianti altopascesi c’è un’armonia e una letizia che aiutano  a raggiungere gli obiettivi di sostegno alla comunità.

Siamo seri. Credo che fare politica dovrebbe significare mettersi a disposizione dei cittadini e bisognerebbe anche fare autocritica. Dovrebbe. Bisognerebbe. Troppi condizionali.  Marchetti  prima doveva accontentare, con assessorati vari,  Forza Italia, An, Allenza laica, Udc, Forza Nuova, vattelapesca etc. Adesso che c’è il solo PdL, perché a metà mandato non ha fatto una valutazione su chi ha prodotto e su chi invece ha solo parlato e promesso, magari riducendo gli assessorati e gli sprechi? Speriamo che lo candidino per la presidenza della Provincia, altrimenti dovrà cercare di vincere una nuova tornata elettorale e per farlo dovrà venire di nuovo a patti. Però vedrete che nel 2011 avremo volti nuovissimi, finalmente gente nuova: Silvano Boni, Massimo Scialoni, Mario Sarti, Giovanni Matteo Tori e si vocifera anche di un Pallesi 2 la vendetta.  Vedremo.

 

Massimo Stefanini

Advertising