Tia Montecarlo, parla il sindaco

da
Advertising

Francamente sono rimasto stupito delle accuse che ci vengono mosse dalle organizzazioni sindacali in relazione alla Tia. Pur comprendendo la necessità di coinvolgere anche un comune di centrodestra nella polemica, credo che per parlare dei problemi dello smaltimento dei rifiuti nella provincia di Lucca e della situazione di Ascit ci si debba rivolgere a altri municipi.

Per quanto riguarda i nostri aumenti, che purtroppo confermiamo e che non dipendono certo da nostre scelte sbagliate ma da una situazione congiunturale che ci vede soggetti purtroppo passivi in una contesto regionale, abbiamo fatto un percorso trasparente, coinvolgendo sempre i sindacati e le associazioni di categoria e mettendo in atto tutti gli strumenti per tutelare le categorie deboli. Senza contare poi la serie di incontri pubblici che abbiamo fatto insieme ai tecnici Ascit per spiegare senza problemi la nostra situazione.

Abbiamo letto che il compost viene buttato in discarica, realizzando uno spreco, sappiamo che ci sono comuni inadempienti nei confronti di Ascit, i nostri cittadini pagano delle maggiorazioni sulla bolletta a causa di errori politici frutto di impostazioni ideologiche ormai superate, mentre noi abbiamo fatto più del possibile per ampliare esenzioni e agevolazioni nei confronti dei nostri cittadini bisognosi. Tutto questo per dire che forse le organizzazioni sindacali dovrebbero contrastare le travi e poi soffermarsi sulle pagliuzze.

Il tema dello smaltimento dei rifiuti è la testimonianza che nella nostra provincia tante cose potrebbero migliorare in maniera sensibile, se solo tutti remassero nella stessa direzione.

Vittorio Fantozzi, sindaco di Montecarlo

Advertising