Furto di gioielli per 20 mila euro

da
Advertising

Clamoroso furto da 20 mila euro in un’abitazione privata di Altopascio, in località Tei. Sì, perché dopo le indagini dei carabinieri di Altopascio, è emerso che gli autori del colpo erano parenti delle vittime. Davvero una brutta sorpresa per la famiglia che ha vissuto questa spiacevole avventura. Andiamo con ordine. Due uomini, di origine campana (denunciati a piede libero) vanno a trovare i congiunti altopascesi e dopo i soliti convenevoli uno di loro riesce a distrarre i presenti, a introdursi e a perlustrare i locali della casa. Il bottino è ingente, tra monili e gioielli del metallo più pregiato. Sembrava un film già visto e invece è arrivato il coup du theatre. Dopo la denuncia, i carabinieri della stazione di Altopascio cominciano una serie di accurate indagini, con riscontri incrociati, anche nella zona di Montecatini. Gran parte del materiale aureo viene recuperata dai militari dell’Arma in una oreficeria della Valdinievole: l’esercizio commerciale è risultato però completamente estraneo alla vicenda. Attraverso le ricevute di ritiro dei preziosi, le forze dell’ordine hanno potuto risalire all’identità dei due autori del colpo, parenti dei derubati. Furto anche al supermercato Penny Market di via del Palazzaccio dove un rumeno di 38 anni ha eluso il sistema antitaccheggio, portandosi via diversi generi alimentari. Intercettato dalle pattuglie di vigilanza, per tutta risposta ha cominciato a brandire un coltello a serramanico. Inoltre C.M. di Buggiano, spacciandosi per commerciante, ha intascato da un cittadino altopascese una caparra come anticipo per l’installazione di una tenda per infissi: una volta presi i soldi è sparito nel nulla, ma i carabinieri lo hanno rintracciato denunciandolo. Prosegue senza sosta il lavoro di carabinieri e vigili urbani soprattutto nelle ore notturne per il controllo di prevenzione al fine di arginare o scongiurare episodi di microcriminalità per la sicurezza pubblica.

Advertising