Cinema: ci sarà un cda ad hoc?

da
Advertising

Altopascio Servizi uguale gestione parcheggi. L’equazione si estenderà anche al cinema? A marzo, secondo le rassicurazioni della giunta, dopo una vera odissea durata un paio di decenni, la struttura di via Regina Margherita sarà pronta. Abbiamo visto le anticipazioni sugli interni, l’immobile sarà davvero molto accogliente, moderno. Verrà utilizzato soprattutto come teatro, intelligentemente come luogo di aggregazione in occasione di determinati eventi, culturali ma non solo, oltre che come sala convegni. Volete un’anticipazione? Il cinema non ce lo vedremo mai, o raramente. Meglio parlare chiaro e con estremo nitore. Mancano i parcheggi, nel triangolo Lucca, Montecatini, Pontedera (con multisala) il pubblico ha la comodità di avere tutte le prime visioni e nella cittadina della Valdera prima di andare in sala si possono visitare negozi, cenare al ristorante o in pizzeria, con l’auto da sistemare a pochi metri dall’entrata in un piazzale grande come due campi di calcio. La domanda che mi pongo è: verrà creato un determinato organismo, con annesso consiglio di amministrazione formato da un tot di persone con relativo stipendio? Speriamo di no. Non è solo una questione di risparmio, di crisi, di etica e bla bla. A Porcari vi sono polemiche feroci per il nuovo teatro al Cavanis, nove nomi nel cda, con relativi indennizzi. E i nomi chi li sceglie ? Faranno una gara? Oppure ci si ispirerà al dogma calvinista della predestinazione? Almeno si seguissero certe preparazioni professionali degli individui, ma è un parametro desueto, soprattutto ad Altopascio, dove il presidente della farmacia comunale, tanto per fare un piccolo esempio, non è un farmacista o un medico.

Massimo Stefanini

Advertising