Furti in due bar di Altopascio e Badia Pozzeveri

da
Advertising

Notte da incubo per i titolari di due locali pubblici ubicati nel comune di Altopascio, in via Regina Elena, alla stazione della cittadina del Tau e in via Catalani, nella frazione di Badia Pozzeveri, attività svaligiate dai ladri tra giovedì e venerdì. Complessivamente il bottino dei due colpi ammonta a circa ventimila euro, tra l’altro a Badia avevano già ricevuto la visita dei soliti ignoti a Natale e in quella circostanza la razzia fu ancora più ingente, 25 mila euro di merce trafugata. Ma andiamo con ordine e ritorniamo a quanto accaduto la notte scorsa. Al bar della stazione ferroviaria i malviventi sono riusciti ad entrare spaccando la porta di ingresso (presa a mazzate o forse rotta con un grosso sasso) sul lato dei binari. Il sistema di allarme si è attivato ma in pochi secondi i visitatori notturni si sono impossessati di decine di tagliandi del “Gratta e Vinci”, (ignorando il resto), per una valore di circa 1500 euro, dileguandosi prima dell’arrivo delle forze dell’ordine. Il gestore, Marco Bindi,  (nella foto mentre mostra la porta spaccata dai ladri) è su tutte le furie e ne ha anche per il comune: “E’ inutile fare le inaugurazioni con tanto di parata e fanfara – attacca Bindi, – è necessario che il municipio dia peso anche alla sostanza delle questioni: mi era stato promesso che le telecamere di sorveglianza sarebbero state installate quanto prima, invece a nove mesi dal taglio del nastro, dell’occhio elettronico, che potrebbe agire come dissuasore e deterrente, nessuna traccia. Questo è il terzo furto che subisco. Di notte in questa zona servono maggiori controlli”. Forse la stessa banda ha agito anche al “Papiro”, snack bar di Badia Pozzeveri dove i ladri, dopo aver forzato una finestra, sono entrati e, approfittando del guasto del sistema d’allarme, messo ko dal gelo prenatalizio, hanno arraffato sigarette, l’incasso della serata precedente, il denaro dei videogiochi ed altro per circa 10 mila euro. “Ci hanno fatto davvero santificare le feste – dicono i proprietari, – visto che a Natale rubarono anche i computer e gli incassi delle festività per oltre 20 mila euro, mentre adesso ci hanno portato la…Befana con questo secondo furto in una settimana. Non è possibile lavorare in queste condizioni”. Su questi episodi indagano i carabinieri di Altopascio.

Massimo Stefanini

Advertising