Entra in comune e prende a martellate le suppellettili

da
Advertising

Un raptus che solo per il pronto intervento di una pattuglia della polizia municipale di Altopascio, non si è trasformato in tragedia. Una donna di 51 anni, residente nella frazione di Spianate, è stata bloccata ieri verso le 14,30 all’interno del palazzo comunale del Tau, in piazza Vittorio Emanuele, mentre stava prendendo a martellate suppellettili varie. Distrutto un vaso in terracotta all’ingresso, al piano terra, due sedie così come la ringhiera delle scale accanto all’ascensore per un danno complessivo quantificabile in alcune migliaia di euro. A fatica i vigili urbani, allertati dall’ufficio relazioni con il pubblico, sono riusciti a fermare la furia della signora, dovendosi anche preoccupare di schivare i fendenti per la propria incolumità. Richiesto anche l’intervento di una ambulanza con medico a bordo. Ma cosa ha scatenato così tanta violenza ? L’antefatto lo si è vissuto un’ora prima. La cinquantunenne aveva incontrato casualmente il sindaco a Spianate di fronte alle scuole elementari: Marchetti infatti, aveva pranzato con i bambini. La donna urlando, ha fatto presente al primo cittadino una situazione di disagio, legata alla crisi economica, chiedendo un sostegno finanziario all’ente pubblico. Marchetti, il quale riceve ogni settimana decine di richieste simili, ha replicato che c’è una procedura di seguire attraverso i servizi sociali. Sembrava essere uno sfogo finito in quell’istante. Ma la signora però deve averci ripensato e nel primo pomeriggio si è recata nel palazzo comunale armata di mazzuolo, utilizzato come martello, spaccando diversi oggetti. Paura tra gli impiegati che si sono nascosti fuggendo in vari uffici. Tra l’altro molti di loro si stavano recando all’orologio, ubicato vicino all’ascensore, per timbrare l’uscita pomeridiana. Per l’autrice dell’aggressione è scattata la denuncia in stato di libertà per danneggiamento di edificio pubblico, articolo 635 del codice penale. Il comune non ha ancora deciso se presentare richiesta di risarcimento.to.

Advertising