Zanchetta, 8 ore di sciopero e presidio davanti a Palazzo Ducale

da
Advertising

Nuvole scure all’orizzonte per l’azienda Zanchetta di Montecarlo. Entro il 15 marzo si ventila l’ipotesi del trasferimento della produzione e dell’amministrazione a Bologna, con trasferimento obbligato per 37 lavoratori. La Fiom Cgil di Lucca teme la chiusura totale dello stabilimento di Montecarlo e organizza 8 ore di sciopero con un presidio previsto per domani (quando ci sarà l’incontro con l’impresa in sede istituzionale) di fronte a palazzo Ducale. In un comunicato a firma del segretario generale Massimo Braccini, si esprime preoccupazione: “Avevamo manifestato la nostra assoluta contrarietà a questa decisione che avrebbe portato alla fine della fabbrica montecarlese, con l’impegno ad avviare una trattativa, dando la disponibilità a verificare gli equilibri occupazionali, purché vi fosse la garanzia della salvaguardia dell’insediamento sul territorio. Ma abbiamo ricevuto una comunicazione – prosegue Braccini – dove ci è stato detto che la ditta intende proseguire sulla strada annunciata dei trasferimenti e che, entro un anno saranno spostati anche gli ulteriori addetti. La Zanchetta venne acquisita nell’aprile 2007 dal gruppo Ima di Bologna che, grazie a questa operazione riteneva di rafforzare la presenza nel segmento del trattamento delle polveri farmaceutiche e, grazie a questo passaggio, incorporava nel gruppo uno dei maggiori concorrenti nella produzione di macchine per la movimentazione e granulazione delle polveri farmaceutiche. Pensiamo – conclude la nota, – che un’azienda non possa scomparire dal territorio nel giro di pochi anni dopo aver annunciato investimenti e sviluppo anche se comprendiamo il periodo di flessione produttiva e di perdite economiche”. Ma il sindaco di Montecarlo, Vittorio Fantozzi, (nella foto) il quale ha confermato la sua presenza al sit-in di domattina, ribatte: “Ad ottobre era stato lanciato un piano di riordino per poter superare la fase critica, ma fu bocciato da una parte di sindacati. L’amministrazione comunque seguirà da vicino la questione”.

Advertising
Advertisements